Teva acquisisce l’americana Auspex Pharmaceuticals per 3,2 miliardi

La transazione, approvata da entrambi i board, rafforza la posizione dell'azienda israeliana nell'area del sistema nervoso centrale

L’israeliana Teva Pharmaceutical Industries ha annunciato di aver raggiunto un accordo definitivo per acquisire l’americana Auspex Pharmaceuticals. L’offerta, del valore di 101 dollari per azione di Auspex, considera un valore totale delle attività dell’azienda pari a 3,2 miliardi di dollari. La  transazione è stata approvata all’unanimità da entrambi i board dell’azienda.
Con l’acquisizione del portafoglio prodotti di Auspex, Teva rafforza la propria area dedicata al sistema nervoso centrale. Il principale farmaco in sviluppo di Auspex è SD-809, in studio in fase III per la malattia di Huntington. La molecola ha ricevuto la designazione di farmaco orfano dall’Fda, con approvazione prevista negli Stati Uniti per questa indicazione nel 2016. Il farmaco è in studio in fase III anche per il trattamento della discinesia tardiva e in fase I per la sindrome di Tourette. La pipeline di Auspex  comprende una sessantina di prodotti in sviluppo, tra cui SD-560 in sviluppo per il trattamento delle patologie fibrotiche e SD-1077 per la malattia di Parkinson.
“L’acquisizione di Auspex – ha dichiarato Erez Vigodman, presidente e Ceo di Teva – è un passo significativo per rafforzare la posizione di leadership di Teva nel sistema nervoso centrale e per avanzare nei mercati disturbi del movimento che presentano ancora dei bisogni insoddisfatti. Siamo ansiosi di accelerare lo sviluppo e la commercializzazione del portafoglio Auspex in base alle nostre infrastrutture, capacità e forte posizione commerciale e di R & S in Cns. Come abbiamo sottolineato di recente, una delle nostre priorità per il 2015 è quello di sostenere la crescita a medio e lungo termine di Teva e creare valore per i nostri azionisti con le opportunità di sviluppo del business che sono strettamente allineati con le nostre aree terapeutiche principali”.