“Contro le infezioni emergenti servono off-label e studi su bimbi”

A dirlo Susanna Esposito, presidente della Waidid: “Alcuni studi hanno dimostrato l’efficacia di molecole approvate contro altre indicazioni”

“Ci sono patogeni emergenti come lo pneumococco o il meningococco, e agenti virali come l’enterovirus, che stanno colpendo sempre più bambini e per cui molti farmaci (soprattutto antinfettivi) non sono approvati per l’uso nei primi anni di vita. Servirebbero invece studi ad ho’ sui bimbi e l’uso di farmaci off-label  che abbiamo verificato, con diversi studi, essere efficaci contro questi agenti”. Lo ha spiegato all’Adnkronos Salute Susanna Esposito, presidente della World association for infectious disease and immunological disorder (Waidid), tra i relatori del congresso Eccmid organizzato dalla Società europea di microbiologia clinica e malattie infettive (Escmid), in corso a Copenhagen.