“Malattie senza dignità”, una mostra fotografica sulla realtà quotidiana delle malattie reumatiche

L'esposizione fotografica sarà inaugurata il 10 giugno a Roma, alle 10, al Senato della Repubblica, nella sala Capitolare del chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva, a Roma

Fotografie poetiche, a volte tristi e a volte piene di speranza e di voglia di vivere. Raccontano la vita quotidiana di quasi cinque milioni di persone, spesso molto giovani, che in Italia soffrono di una malattia reumatica. ‘Malattie senza dignità’ è il titolo della mostra fotografica organizzata dal Collegio dei reumatologi ospedalieri e territoriali italiani (Croi) e dall’Anmar (Associazione nazionale dei malati reumatici) allo scopo di porre l’attenzione sul tema delle patologie reumatiche, caratterizzate da sofferenze non solo fisiche ma spesso anche emotive: isolamento, incomprensioni e mancato riconoscimento.

L’esposizione fotografica sarà inaugurata il 10 giugno a Roma, alle 10, al Senato della Repubblica, nella sala Capitolare del chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva, a Roma. Si tratta di un giorno importante perché nella capitale prenderà il via il congresso Europeo di reumatologia, il più importante al mondo su questa area terapeutica.

Microsoft Word - Documento1

Attraverso 50 pannelli fotografici realizzati da Roberto Murgia, reumatologo e fotoblogger, la mostra racconta i disagi e le sofferenze di chi è stato colpito da alcune tra le 150 patologie reumatiche, spesso confuse con le inevitabili conseguenze dell’età che avanza. In realtà questo gruppo di malattie, fortemente limitanti della libertà di movimento e dell’autonomia delle persone, colpisce diverse fasce di età, soprattutto i giovani adulti di sesso femminile, comportando disabilità, ricoveri, lunghissime cure e costi sociali molto alti.

“Con questa iniziativa vogliamo portare l’attenzione della pubblica opinione sui tanti malati reumatici che spesso sono condannati all’isolamento e alla sofferenza – dichiara Stefano Stisi, presidente del Croi – Anziché parlare di scienza e dell’avanzamento delle cure, oggi sempre più efficaci, abbiamo voluto puntare sugli aspetti più personali. Per riflettere insieme e per poi passare all’azione, ciascuno nel suo ambito, per far sì che queste persone abbiamo una vita sempre più attiva ed escano dall’isolamento”.

La mostra sarà itinerante e prenderà il via a Cagliari il 19 giugno, per poi seguire nel corso del 2015 e del 2016 le tappe dei corsi e dei convegni del Croi. Parallelamente alla mostra itinerante, è stato realizzato un volume a cura dell’Editore Auxiliatrix, il ricavato della cui vendita sarà interamente devoluto per la realizzazione di progetti a favore dei malati reumatici.