Lombardia, al via bando da 15 mln per la ricerca biomedica

Pubblicato dalla Fondazione regionale per la ricerca biomedica (Frrb) il "Bando per la valorizzazione della ricerca biomedica". Le proposte progettuali dovranno essere inviate entro il 24 settembre

asma

Valorizzare la formazione di giovani ricercatori e fare in modo che i migliori “cervelli” possano fare ricerca rimanendo in Lombardia. E’ lo scopo del “Bando per la valorizzazione della ricerca biomedica” pubblicato dalla Fondazione regionale per la ricerca biomedica (Frrb) della Lombardia. Un finanziamento da quindici milioni di euro destinato a supportare la ricerca biomedica regionale. “Il sostegno alla ricerca in Lombardia è una delle sfide più importanti che la nostra Regione intende affrontare – ha dichiarato Mario Mantovani, vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia, nella conferenza stampa di presentazione del bando -. Abbiamo infatti un obiettivo: arrivare a far sì che la nostra regione non solo sul piano nazionale, ma anche internazionale, e sicuramente a livello europeo, possa davvero essere considerata tra le più importanti d’Europa per l’impegno a favore della ricerca”.

Il bando, finalizzato all’implementazione della medicina traslazionale, della medicina personalizzata e della ricerca clinica spontanea, vuole stimolare  proposte
progettuali che comportino attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in due ambiti principali. Il primo è lo studio dei meccanismi di malattia (ovvero programmi correlati alle patologie che coniugano caratteristiche cellulari o molecolari con il rischio di malattia, la risposta al trattamento o lo sviluppo di procedure diagnostiche, con risvolti atti a contribuire al miglioramentodella conoscenza della storia naturale della malattia) per le malattie infiammatorie e degenerative; infettive e immunomediate e neoplastiche rare. Il secondo è la ricerca di piattaforme per studi di alta tecnologia (progetti di ricerca che permettano di sviluppare piattaforme di single cell analysis e che rappresentino strumenti fondamentali di sostegno e sviluppo dei programmi di ricerca) nel campo della genomica e biologia dei sistemi. Le proposte progettuali dovranno essere inviate entro il prossimo 24 settembre .

Nel corso della conferenza di presentazione del bando l’assessore alla Salute ha inoltre sottolineato l’attenzione da rivolgere ai ricercatori che operano negli Irccs: “Vogliamo porre l’accento – ha aggiunto Mantovani – anche sulla necessità di riconoscere contratti con maggiori tutele proprio per chi fa ricerca. A tal fine sono stati presentati in Consiglio alcuni emendamenti che consentano agli Irccs lombardi di attivare contratti aggiuntivi destinati proprio ai ricercatori”.

IL BANDO