Asma grave: Fda approva l’anticorpo mepolizumab di Gsk

La terapia è stata autorizzata per l’utilizzo con altri farmaci nel trattamento di mantenimento dell'asma grave in pazienti dai dodici anni in su

Via libera della Food and Drug Administration statunitense all’anticorpo mepolizumab,  sviluppato da GlaxoSmithKline per il trattamento dell’asma asma eosinofila grave. La terapia è stata approvata per l’utilizzo con altri farmaci nel trattamento di mantenimento dell’asma nei pazienti da dodici anni in su.  Mepolizumab è un anticorpo monoclonale completamente umanizzato antagonista dell’interleuchina-5, citochina che regola la crescita, l’attivazione e la sopravvivenza dei granulociti eosinofili. Viene somministrato in una dose fissa da 100 mg una volta ogni quattro settimane per via sottocutanea da un operatore sanitario. La sicurezza e l’efficacia del farmaco sono stati stabiliti in tre studi clinici, randomizzati, in doppio cieco controllati con placebo che hanno coinvolto pazienti con asma grave sulle terapie attualmente disponibili. Lo scorso settembre il farmaco aveva ricevuto parere positivo del Comitato per i Medicinali ad uso Umano (Chmp) dell’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) che aveva raccomandato l’approvazione del farmaco come terapie di mantenimento dei pazienti adulti affetti da asma grave refrattaria con elevati livelli di eosinofili. Secondo le stime degli analisti il farmaco potrebbe raggiungere vendite annuali pari a 756 milioni di dollari entro il 2020.