Sardegna, la sanità cambia volto: da luglio 2016 una sola Asl in tutta la Regione

Via libera alla legge che porterà alla nascita dell’Asur (Azienda sanitaria unica regionale). Prorogati fino al 30 giugno i commissariamenti delle otto attuali aziende sanitarie locali, delle due Aou di Cagliari e Sassari e dell'azienda ospedaliera Brotzu del capoluogo isolano

Una sola Asl per tutta la Regione Sardegna. Nascerà il primo luglio 2016 e si chiamerà Asur (Azienda sanitaria unica regionale) per effetto della legge approvata ieri – con i soli voti della maggioranza di centrosinistra – dal Consiglio regionale. In attesa della riforma effettiva, il provvedimento proroga sino al 30 giugno i commissariamenti delle otto attuali aziende sanitarie locali, delle due Aou di Cagliari e Sassari e dell’azienda ospedaliera Brotzu del capoluogo isolano.

Entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge la Giunta dovrà adottare un ddl organico che prevede appunto la nascita dell’Asur. E’ possibile che il ddl confermi comunque le due aziende ospedaliero-universitarie, l’azienda Brotzu e l’azienda regionale dell’emergenza e urgenza (Areus), azzerate invece le otto Asl territoriali.