L’intelligenza artificiale di Watson al servizio dei cuori dei lavoratori

Il sistema di intelligenza artificiale per la prima volta verrà utilizzato nel campo della prevenzione cardiovascolare per i dipendenti della multinazionali, grazie a una collaborazione tra Ibm, l'American Heart Association e Welltok

Arriva la prima applicazione dedicata di Watson, il sistema di intelligenza artificiale sviluppato da Ibm, in grado di rispondere a domande e inserito come supporto negli ospedali statunitensi. L’obiettivo è migliorare la salute sui luoghi di lavoro, per prevenire i problemi cardiovascolari che oggi solo in America riguardano 85 milioni di persone. L’applicazione, messa a disposizione attraverso la piattaforma per l’ottimizzazione della salute di Welltok, mette insieme le metodologie di misurazione scientifica dell’American Heart Association (Aha) e le valutazioni sanitarie ottenute grazie al “cognitive analytics”.

Il programma sfrutterà la capacità di elaborazione del linguaggio naturale di Watson, le competenze di question and answer e di analisi, e Watson sarà “istruito” sulle finalità e sulle misure sanitarie specifiche per il benessere del sistema cardiaco in modo da poter raccomandare alle imprese le modalità di creazione di un “ambiente sano” per il cuore.

“Il programma – spiega Ibm in una nota –  aiuterà a valutare le condizioni dell’ambiente di lavoro e la salute dei dipendenti in base alla metodologia di misurazione di Aha. Il Workplace Health Achievement Index utilizzerà le migliori esperienze per misurare e classificare le iniziative che le aziende propongono ai dipendenti in tema di salute, valutando anche quanto viene fatto in termini di prevenzione sul luogo di impiego. Watson fornirà, grazie all’analisi cognitiva dei dati contenuti nell’Index, una guida su come un datore di lavoro può supportare la salute dei propri dipendenti”.

I dati verranno raccolti attraverso il questionario “My Life Check” di Aha, che misura i “Life’s Simple 7”, cioè i principali indicatori relativi alla salute cardiovascolare (niente fumo, mangiare sano, essere fisicamente attivi, raggiungere e mantenere il peso forma, tenere monitorata la pressione arteriosa, controllare il colesterolo e ridurre gli zuccheri nel sangue) accessibile tramite la piattaforma Welltok, via  web o smartphone. Attraverso le informazioni fornite dai consumatori attraverso il questionario e i dati raccolti tramite device indossabili e bilance wireless, la piattaforma sarà in grado di elaborare consigli personalizzati e aiutare l’individuo a fare scelte sane che possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Si stima che in una multinazionale ogni anno le malattie cardiache provochino circa 1-3 morti e più di 312 miliardi di dollari di spese sanitarie e perdita di produttività. La cattiva alimentazione, la mancanza di attività fisica regolare e altri importanti fattori di rischio che causano malattie cardiache e ictus sono responsabili di almeno il 25% delle spese sanitarie attribuibili ai datori di lavoro.

“Con Life’s Simple 7 e Workplace Health Achievement Index, proponiamo un programma scientifico per una vita sana e per il benessere in azienda” spiega Eduardo Sanchez, Chief Medical Officer for Prevention dell’Aha.  “Gli individui e i loro datori di lavoro saranno in grado di beneficiare di soluzioni cognitive personalizzate, progettate per aiutare a migliorare la salute del cuore e ridurre i costi dell’assistenza sanitaria. La nostra speranza è che si possa stabilire un nuovo standard per il miglioramento continuo della qualità del luogo di lavoro”.