Endometriosi, per la giornata mondiale una marcia in 50 capitali

Si celebra domani 19 marzo con iniziative in tutto il mondo: da San Francisco a Sidney, passando per Roma

Nemica della fertilità e, più in generale, della salute delle donne e della qualità di vita. È l’endometriosi, patologia a cui è dedicata – domani 19 marzo – una giornata mondiale che prevede una marcia internazionale (EndoMarch) per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sue gravi conseguenze. Le manifestazioni si svolgeranno in oltre 50 capitali in tutto il mondo, compresa Roma (Piazza del Popolo, ore 12).

L’endometriosi consiste nella formazione e crescita di tessuto endometriale al di fuori dell’utero, in particolare nella cavità pelvica e nelle ovaie, dietro l’utero, nei legamenti uterini, nella vescica o nell’intestino (sebbene possa verificarsi anche al di fuori dell’addome come nei polmoni o in altre parti del corpo), causando gravi crampi con sanguinamento irregolare e pesante, così come cisti nelle ovaie. La patologia altera la qualità della vita delle donne colpite, influenzando i loro rapporti, le relazioni familiari, sul lavoro e le capacità riproduttive. Nonostante il trattamento aumenti le probabilità di ottenere una futura gravidanza, l’endometriosi può ridurre la fertilità di una donna, perché questa malattia è direttamente correlata alla diminuzione della riserva degli ovociti e al peggioramento della loro qualità.

“Il sintomo principale dell’endometriosi è la sensazione di dolore che può avere diverse forme, da quello pelvico cronico alle mestruazioni dolorose, fino al dolore durante i rapporti sessuali, minzione faticosa o con sanguinamento. Anche se questi segnali possono far nascere il sospetto di un problema di salute, a volte le donne legano questi dolori acuti al ciclo mestruale”, spiega Daniela Galliano, direttrice del Centro Ivi, l’Instituto Valenciano de Infertilidad che ha da poco aperto il primo centro in Italia, a Roma.

Nonostante i progressi compiuti nel trattamento del dolore e nel recupero della fertilità, oggi non esiste una cura e poco si sa circa le cause dell’endometriosi. Come se non bastasse, la diagnosi arriva spesso in ritardo: da 5 a 10 anni dopo i primi sintomi. “Un periodo di tempo eccessivamente lungo, durante il quale la malattia progredisce e può avere conseguenze molto dannose per la qualità della vita di coloro che ne soffrono, potendo comportare seri problemi medici e infertilità”, conclude l’esperta.