Adolescenti, un progetto per migliorare l’assistenza dei malati cronici

Partirà a breve in Puglia il progetto “Transitional Care” per seguire il passaggio dall’assistenza di tipo pediatrico a quella per adulti. In Italia il 10-15% degli adolescenti convive con una patologia cronica e al momento non esistono programmi ad hoc

Le malattie croniche non riguardano naturalmente solo gli anziani. In Italia il 10-15% degli adolescenti convive con una patologia e al momento non esistono dei “percorsi di transizione”  per passare dall’assistenza di tipo pediatrico a quella “per adulti”.  A sottolinearlo gli esperti che oggi  a Roma nella sede dell’Istituto Superiore di Sanità hanno presentato il progetto “Transitional Care”.

“Alcuni di questi giovani pazienti sono affetti da malattie rare ma non solo – ha sottolineato Vincenzo Palmieri, ordinario di medicina interna all’università di Bari – ci sono anche diabetici, obesi e tutta una serie di soggetti che hanno bisogno di una continuità nell’assistenza”.

Il progetto, coordinato da Domenico Tangolo dell’università di Torino, partirà intanto in Puglia, Marche e Piemonte, e consiste in una check list per pianificare la transizione, in un questionario da distribuire per il monitoraggio delle esperienze e in una sperimentazione pratica degli strumenti elaborati da un Tavolo di Regia che vede decine di istituzioni, società scientifiche e associazioni di pazienti.

“Il problema della fase di transizione è particolarmente sentito per le malattie rare – ha aggiunto Domenica Taruscio, responsabile del Centro Nazionale di Malattie Rare dell’Iss – negli ultimi anni le nuove terapie hanno permesso di migliorare la durata e la qualità della vita dei pazienti, con il risultato che si hanno sempre più adulti con queste malattie rispetto a 30 anni fa”.