Farmaceutica e cosmesi, nel 2015 giro d’affari per 43 miliardi

L'indagine di Comar su 1620 imprese e aziende del settore fotografa la situazione del Paese. Rispetto al 2014 c'è stato un aumento del 7,2% del mercato. L'azienda che ha fatturato di più è Menarini e al primo posto per margine operativo troviamo Chiesi Farmaceutici

Cresce in Italia il giro d’affari della produzione e distribuzione di farmaci, di dietetici e di cosmetici che nel 2015 ha raggiunto un fatturato di oltre 43 miliardi di euro con un aumento del 7,2% rispetto all’anno precedente. A fotografare l’andamento sul mercato di farmaceutica e cosmesi è un’ indagine Comar su 1620 gruppi e imprese con prevalente attività industriale, commerciale e di produzione di servizi, nella quale si sottolinea anche che le aziende del settore hanno anche un altro tasso di redditività: oltre 4 miliardi di margine operativo netto con un aumento del 9,14% sull’anno precedente.
La top ten del fatturato del settore, inoltre, è dominata da sette società italiane: l’azienda maggiore in assoluto per fatturato è Menarini (3,3 miliardi di euro); l’azienda al primo posto per margine operativo netto è Chiesi Farmaceutici (326 milioni di euro); sempre nei primi dieci posti per fatturato, è il ruolo della distribuzione, con tre società, che da sole sommano 4,25 miliardi di euro.