Epatite C, nuovo farmaco a disposizione per il Servizio sanitario nazionale

Si tratta della combinazione di due molecole elbasvir e grazoprevir di Msd. La pubblicazione è avvenuta in Gazzetta Ufficiale del decreto di autorizzazione dell'Aifa.

Un farmaco innovativo è da oggi a disposizione del Servizio Sanitario Nazionale per l’eradicazione dell’epatite C (Hcv): si tratta della combinazione delle molecole elbasvir/grazoprevir. Soluzione che, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è da oggi disponibile per perseguire l’obiettivo dell’eradicazione dell’epatite C nei genotipi 1-4.
Lo rende noto l’azienda farmaceutica MSD, annunciando la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto di autorizzazione dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). “Il farmaco – afferma Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore delegato di MSD Italia – ha dimostrato elevatissimi tassi di risposta virologica, dispone di evidenze cliniche per un ampio range di pazienti, inclusi i difficili da trattare, è una terapia maneggevole per il medico ed il paziente e presenta limitate interazioni farmacologiche”.
La combinazione, disponibile negli Stati Uniti ed in Canada da oltre un anno e da luglio in molti Paesi Europei, ha anche ottenuto il riconoscimento del profilo di innovatività.
Il farmaco è stato progettato per rispondere anche ai bisogni terapeutici dei pazienti fragili: con precedente fallimento del trattamento, con cirrosi o già trattati. Migliaia di pazienti cronici con HCV in tutto il mondo hanno partecipato, ad oggi, al programma di sviluppo clinico del farmaco.