Testato il primo vaccino attenuato contro il virus Zika: funziona ed è sicuro

I ricercatori hanno usato una singola dose contenente dieci particelle di vaccino vivo attenuato al punto da non risultare più patogeno. Sono riusciti così a impedire, completamente, l'infezione da virus Zika nella sperimentazione sui topi

Sono positivi i risultati dei test sul primo vaccino attenuato contro il virus Zika. Il prodotto sviluppato dai ricercatori dell’Università del Texas di Galveston e dell’Istituto Evandro Chagas presso il Ministero della Salute in Brasile, è stato testato sui topi per verificarne sicurezza ed efficacia. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Nature Communications.

I ricercatori hanno usato una singola dose contenente dieci particelle di vaccino vivo attenuato, ovvero basato su un agente infettivo vivo la cui virulenza viene attenuata, al punto da non risultare più patogeno. Sono così riusciti a impedire completamente, nei topi, l’infezione da virus Zika.

“Un vaccino di successo richiede un giusto equilibrio tra efficacia e sicurezza – spiegato Pei-Yong Shi, autore senior dello studio – i prodotti a base di virus vivi attenuati offrono generalmente immunizzazione con singola dose, rapida risposta immunitaria e protezione prolungata, ma a volte hanno una ridotta sicurezza. I virus inattivati invece spesso forniscono maggiore sicurezza, ma possono richiedere diversi dosi e periodici richiami. Un vaccino vivo attenuato sicuro è l’ideale soprattutto nei paesi in via di sviluppo”.

Mentre l’infezione da virus Zika in genere si traduce in lievi sintomi negli adulti sani e nei bambini, il rischio di microcefalia e di altre malattie nel feto in via di sviluppo ha messo in allarme tutto il mondo. Di qui la necessità di sviluppare un vaccino rivolto principalmente alle donne in età fertile. Tentativo in cui si sono cimentati diversi scienziati, tra cui quelli del National Institute of Health americano, che ne stanno già testando uno sugli uomini.