Medical device, nasce un gruppo di lavoro all’interno dell’AmCham

Questa nuova realtà all'interno dell'American chamber of commerce in Italy è costituita dalle più importanti aziende americane del comparto operanti nel nostro Paese. Uno stimolo ulteriore per un mercato che è quarto in Europa per dimensioni e con una previsione di crescita, da qui al 2020, del 4%

Nasce all’interno dell’American Chamber of Commerce in Italy il gruppo di lavoro dedicato ai dispositivi medici. Innovazione, accesso, valore e trasparenza le aree prioritarie di interesse del Gruppo. Questa nuova realtà in sede AmCham è costituita dalle più importanti aziende americane del comparto operanti in Italia, che rappresentano complessivamente la maggioranza del mercato italiano e che hanno importanti e positivi riflessi su investimenti e ricerca e sviluppo di competenze tecnologiche.
Come rileva The Boston Consulting Group, il settore medical devices in Italia è un settore altamente strategico: in fatturato vale dieci miliardi di euro ed è il quarto mercato per dimensioni in Europa, con una previsione di crescita del 4% (Cagr 2017-2020), un tasso più che doppio rispetto agli altri comparti industriali del Paese. L’impatto occupazionale è molto rilevante, quantitativamente e qualitativamente: degli oltre 68 mila addetti, 42% degli impiegati è in possesso di un diploma di laurea, percentuale che sale al 58% nelle multinazionali. Si tratta di una differenza significativa rispetto al resto dell’industria manifatturiera, in cui il valore medio è del 21%. Il settore medical devices in Italia, inoltre, esprime un’incidenza di investimenti in Ricerca & Sviluppo più che doppia rispetto alla media degli altri comparti industriali italiani. All’interno di questo mercato in forte crescita, in Italia non mancano distretti di eccellenza: ad esempio, il distretto Biomedicale di Mirandola, nato negli anni Sessanta, comprende ora più di cento aziende all’avanguardia nell’emodialisi, nella cardiochirurgia, e in altre aree chiave, generando un fatturato complessivo di circa un miliardo di Euro.
Il Gruppo di Lavoro presenterà a settembre, all’interno di un convegno dedicato alla realtà Medtech in Italia, le linee strategiche e di sviluppo, oltre che alcune proposte di fattiva collaborazione con le istituzioni per la sostenibilità del sistema.