Terapia genica, Aifa autorizza la produzione di farmaci sperimentali all’ospedale Bambino Gesù

L’Officina Farmaceutica della struttura ottiene il via libera dall’agenzia regolatoria. L’oncoematologia il principale ambito di applicazione

Farmaci sperimentali per terapie geniche potranno essere prodotti nell’Officina Farmaceutica dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Lo ha stabilito l’Agenzia italiana del farmaco, con un via libera alla struttura della Santa Sede che aggiorna e completa una precedente autorizzazione limitata a prodotti di terapia cellulare non soggetti a manipolazione genica.

Il principale ambito di applicazione di queste terapie avanzate è quello onco-ematologico. Grazie a questo riconoscimento, il Bambino Gesù – spiega l’ospedale in un comunicato – potrà attivare trattamenti con linfociti geneticamente modificati attraverso un recettore (chiamato recettore chimerico antigenico) in grado di reindirizzarne l’azione selettivamente sul bersaglio tumorale.

L’Officina Farmaceutica del Bambino Gesù si estende su una superficie di 1.200 metri quadrati ed è dotata di otto locali asettici destinati alla produzione e al rilascio di nuove terapie avanzate in ambito clinico per malattie che al momento non hanno una cura certa. I farmaci biologici prodotti saranno utilizzati nei prossimi mesi in sperimentazioni cliniche sia nazionali che internazionali.