Accordo tra Molmed e Dompé per commercializzare Zalmoxis, la terapia cellulare per il trattamento dei tumori del sangue  

Le due società hanno stipulato un contratto di distribuzione e fornitura del farmaco che ha ottenuto l'Aic dall'Ema nel 2016. All'azienda guidata da Eugenio Aringhieri spetterà di negoziare il prezzo di rimborso nei Paesi europei, tranne che in Italia, dove sarà la biotech a occuparsi di market access e di negoziazione con Aifa

cancro alla vescica

Molmed e Dompé hanno stipulato un accordo esclusivo di licenza e distribuzione della durata di 15 anni per la commercializzazione di Zalmoxis in Europa. Il contratto prevede che Dompé abbia il diritto e l’obbligo di promuovere, commercializzare, valorizzare, distribuire e vendere nei Paesi membri dello Spazio economico europeo (con diritto di opzione per Svizzera, Turchia e Australia) la terapia cellulare messa a punto da Molmed che ha ricevuto da Ema l’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata per il trattamento di pazienti adulti affetti da leucemie e altri tumori del sangue ad alto rischio, impiegato in associazione al trapianto aploidentico di cellule staminali emopoietiche (haplo-identical haematopoietic stem cell transplant – Hsct).

In base all’intesa, lazienda farmaceutica guidata da Eugenio Aringhieri, assistita nell’operazione dal Focus Team Healthcare e Life Sciences di BonelliErede con Andrea Carta Mantiglia e Monica Fantino, gestirà o completerà le attività di accesso al mercato e negozierà il prezzo di rimborso del farmaco in tutti i Paesi interessati, a eccezione dell’Italia, mentre la società biotech di cui è amministratore delegato Riccardo Palmisano manterrà la responsabilità delle attività di market access e della negoziazione di prezzo e rimborso nel nostro Paese, oltre che del rinnovo dell’Aic condizionata e del rispetto degli impegni post-approvazione imposti da Ema al fine di ottenere la piena autorizzazione alla commercializzazione per la terapia.

A margine dell’intesa sulla commercializzazione, le due società hanno siglato un accordo di produzione e fornitura in base al quale Molmed sarà responsabile per la produzione, la fornitura e la consegna del farmaco agli utilizzatori finali nelle aree interessate e Dompé riconoscerà un prezzo di acquisto proporzionale al prezzo di rimborso del prodotto. Oltre al prezzo di acquisto, sulla base del contratto di licenza e distribuzione Molmed riceverà fino a 43,5 milioni di euro, di cui fino a 12,5 milioni in qualità di contributo nel periodo 2017-2020, e fino a 31 milioni sotto forma di milestone riconosciute al raggiungimento di determinati livelli di vendite nette annue raccolte nel territorio coperto dal contratto.

“Molmed e Dompé – dichiara l’ad di Molmed, Riccardo Palmisano – condividono non solo una strategia orientata allo sviluppo di terapie innovative che possano rappresentare una risposta a bisogni medici non soddisfatti, ma anche gli stessi valori e una visione comune sul futuro”.

“Un accordo per noi importante – gli fa eco il ceo di Dompé, Eugenio Aringhieri – che ci consentirà di portare al paziente una terapia genica che si inserisce in modo estremamente coerente in quel percorso che ci vede impegnati nel fornire risposte a domande di salute gravi e ancora orfane di cura”.