Toscana, via libera al Piano per le tecnologie biomediche: vale quasi 250 milioni di euro

L’obiettivo è una pianificazione regionale per programmare gli investimenti delle aziende sanitarie, nel nome dell’appropriatezza. In arrivo incubatrici, defibrillatori, elettrocardiografi, trapani ortopedici, ecografi, sistemi laser, elettrocardiografi e altre apparecchiature

Un “Piano regionale delle tecnologie biomediche” per pianificare gli investimenti delle aziende sanitarie secondo criteri di efficacia e appropriatezza, così da evitare sprechi, doppioni e disparità nell’accesso all’innovazione sul territorio. È l’iniziativa adottata dalla Regione Toscana con una delibera approvata nei giorni scorsi. Il nuovo Piano – come riportato dal notiziario della giunta “ToscanaNotizie” – riguarda l’acquisizione di apparecchiature per un valore complessivo che sfiora i 250 milioni di euro: tavoli operatori, incubatrici, defibrillatori, elettrocardiografi, trapani ortopedici, ecografi, sistemi laser ed elettrocardiografi.

L’elenco dettagliato con le acquisizioni delle tecnologie da parte delle aziende e degli enti del Servizio sanitario regionale è incluso nel Piano e riguarda il triennio 2017-2019. Nel dettaglio, il valore complessivo è di 248.964.000 euro, di cui metà già impegnati per il primo anno.  Gli investimenti indicati per gli anni successivi al primo anno saranno autorizzati dopo la revisione del Piano, di cui è previsto un aggiornamento almeno annuale. Il prossimo aggiornamento è previsto per i primi mesi del 2018.

La delibera dà anche mandato a Estar (Ente di supporto tecnico-amministrativo regionale) di avviare le procedure di acquisizione delle tecnologie prevedendo la doppia opzione noleggio/acquisto.