Trasparenza e Prevenzione della corruzione in sanità Profili legali, regolatori e organizzativi

Milano, 3 ottobre 2017
C/O Carnelutti Studio Legale Associato – Via Principe Amedeo 3

Se l’Italia è un Paese in cui la corruzione è molto diffusa in tutti gli ambiti, la sanità, per l’ammontare considerevole delle risorse stanziate e per il carattere essenziale e non eliminabile delle prestazioni, è un settore particolarmente esposto al rischio di illeciti.
I numerosi casi di cronaca che vedono coinvolti amministratori, dirigenti ospedalieri, clinici e manager negli ambiti più disparati, indicano il carattere diffuso e pervasivo della corruzione nella sanità italiana e mettono in luce le ripercussioni in termini di perdita di efficienza del Ssn e spreco di risorse. Negli ultimi anni, pur in un contesto difficile come quello delineato, il sistema anticorruzione nella sanità italiana ha fatto notevoli progressi, essendosi attrezzato con importanti strumenti – quali ad esempio il Piano Nazionale Anticorruzione e i Piani Triennali Anticorruzione delle aziende sanitarie – che consentono di affrontare meglio il fenomeno, tenere sotto controllo le principali aree di rischio, minimizzarne gli effetti. Ancora molto resta da fare tuttavia per quanto riguarda l’attuazione delle norme, la formazione e la sensibilizzazione del personale dell’industria e della p.a., la diffusione di una cultura di trasparenza e di “anticorpi anticorruzione” tra cittadini e operatori sanitari, che costituiscono la più efficace forma di contrasto alle pratiche illecite. Il corso di alta formazione, organizzato da HPS – AboutPharma, in collaborazione con Carnelutti Studio Legale Associato, ha l’obiettivo di analizzare i principali profili di rischio corruzione in ambito sanitario e di fornire agli attori coinvolti (industria e aziende sanitarie) informazioni e linee guida per un’adeguata attività di prevenzione.Attraverso le testimonianze di istituzioni, esperti legali, manager di aziende healthcare e dirigenti pubblici, saranno analizzati i seguenti aspetti:

  • Aree di maggior rischio per il comparto sanitario: sperimentazione clinica, ISF, sponsorizzazione di corsi e congressi, attività libero professionale, liste d’attesa, polizia mortuaria
  • Gli strumenti di prevenzione e contrasto della corruzione
  • Il secondo Piano Nazionale Anticorruzione e i Piani Triennali delle aziende sanitarie
  • Profili di rischio e responsabilità penale delle persone fisiche e delle organizzazioni
  • Il quadro normativo di riferimento: dal D.lgs n.231/2001 al nuovo Codice degli Appalti
  • L’autoregolamentazione: i codici EFPIA e Medtech
  • I principali strumenti per la prevenzione della corruzione in sanità (codici etici, formazione, piattaforme per il whistleblowing ecc.)
  • Tutele e modelli per la prevenzione della corruzione nell’industria

 


Programma

9.00 Registrazione partecipanti e welcome coffee

9.30 Lo stato della corruzione nella sanità italiana e le misure di prevenzione

  • Analisi del fenomeno
  • Aree di maggior rischio per il comparto sanitario: sperimentazione clinica condizionata dagli sponsor, prescrizione di farmaci a seguito di sponsorizzazioni, violazione dei regolamenti di polizia mortuaria; favoritismi ai pazienti provenienti dalla libera professione
  • Collegamenti tra corruzione e sprechi in sanità
  • Gli strumenti di prevenzione e contrasto della corruzione
  • Il secondo Piano Nazionale Anticorruzione
  • Il Protocollo di Intesa Anac, Ministero della Salute e Agenas e i nuclei ispettivi misti
  • I Piani Triennali di Prevenzione della corruzione delle aziende sanitarie

10.15 Q&A

10.30 Il quadro normativo 

  • La responsabilità penale delle persone fisiche e delle organizzazioni
  • Profili di rischio
  • D.lgs n.231/2001, L. 190/2012, DPR 62/2013
  • D.lgs n. 38/2017 (Modifiche alla disciplina della corruzione tra privati)
  • Il nuovo Codice degli Appalti Pubblici e la prevenzione della corruzione
  • Recenti orientamenti della giurisprudenza
  • Principali aree di attenzione per l’industria Healthcare: rapporti con i professionisti e con le strutture sanitarie
  • L’autoregolamentazione – i codici EFPIA e Medtech – e gli strumenti di prevenzione delle singole imprese: audit aziendali, segnalazioni spontanee ecc.

11.15 Q&A

11.30 Coffee break

11.45 La prevenzione della corruzione nelle aziende sanitarie: case study
– percezione del rischio corruzione nell’azienda sanitaria
– il piano triennale di prevenzione della corruzione: articolazione, aggiornamento, attività di monitoraggio
– altri strumenti aziendali per la prevenzione della corruzione: i codici etici
– principali criticità riscontrate nella relazione con l’industria  – prossimi passi e nuovi traguardi da raggiungere

12.45 Q&A

13.15 Lunch

14.15 La prevenzione della corruzione nell’industria: modelli e strumenti di tutela- Analisi di case study aziendali

15.30 Q&A

16.00 Conclusioni: lessons learned, ambiti di attenzione e buone pratiche

16.30 Chiusura dei lavori


Target
Il corso si rivolge all’industria farmaceutica e di medical devices (direzioni generali, area legale, affari regolatori, compliance, amministrazione e finance, uffici congressi ed eventi, area Marketing & Sales), alle aziende sanitarie e ospedaliere (direzioni generali, legali, amministrative, responsabili prevenzione della corruzione, audit, servizi di vigilanza), alle case di cura private (direzione generale, ufficio legale, amministrazione).


MODULO DI ISCRIZIONE