Malattie rare, rimborsabile in Italia terapia per la colangite biliare primitiva

L’acido obeticolico, in combinazione con acido ursodesossicolico (UDCA), sarà a carico del Servizio sanitario nazionale

farmaci orfani per malattie rare

Una nuova terapia per la colangite biliare primitiva, rara malattia del fegato che in Italia colpisce circa 13mila persone, ha ottenuto la rimborsabilità da parte dell’Agenzia italiana del farmaco. Si tratta dell’acido obeticolico (nome commerciale “Ocaliva”) in combinazione con l’acido ursodesossicolico (UDCA) negli adulti con risposta inadeguata all’UDCA o come monoterapia negli adulti che non tollerano l’UDCA.

La rimborsabilità in Italia arriva in seguito all’approvazione condizionata del farmaco nell’Unione Europea nel dicembre 2016. La terapia è stata sviluppata dall’azienda biotech Intercept.  “Collaboreremo con le istituzioni sanitarie (Regioni, Aziende sanitarie ed ospedaliere pubbliche ed accreditate con il Ssn) per garantire l’accesso equo ed uniforme per i pazienti eleggibili alla terapia”, assicura Barbara Marini, amministratore delegato di Intercept Italia.