Teva sceglie il nuovo ceo: è Kare Schultz, ex numero 1 di Lundbeck

A più di sei mesi dalla fine del rapporto con Erez Vigodman, l'azienda israeliana, prima produttrice di generici al mondo, si affida al top manager danese. Ha 56 anni, esperienza trentennale nell'healthcare, e un passato anche in Novo Nordisk e in McKinsey

Teva Pharmaceuticals ha scelto il suo nuovo ceo. Dopo più di sei mesi dalla fine del rapporto con il precedente chief executive officer, Erez Vigodman, l’azienda farmaceutica israeliana ha puntato su Kare Schultz, che fino alla scorsa settimana era alla guida della danese Lundbeck in qualità di ceo e presidente.

Schultz, danese, 56 anni, con circa 30 anni di esperienza nel settore healthcare , è stato in passato anche coo (chief operating officer) di Novo Nordisk e consulente per McKinsey. Prende le redini del principale produttore di generici al mondo, che in questi mesi è stato guidato provvisoriamente da Yitzhak Peterburg. La nomina arriva in un momento delicato per l’azienda, che lo scorso agosto ha perso circa un quarto del suo valore in borsa, anche a seguito di un calo del mercato dei generici negli States.