Distribuzione di farmaci online, Amazon fa un altro passo avanti

Secondo un report degli analisti della Leerink Partners banca di investimenti specializzata nell’healthcare, la compagnia di Jeff Bezos avrebbe preso contatti con i “piani alti” del settore pharma per attivare la distribuzione dei medicinali a prescrizione online

farmaci

Una “prova” dietro l’altra: è sempre più probabile che, in tema di distribuzione di farmaci online, Amazon riesca a entrare in questo mercato includendo anche i medicinali a prescrizione. L’ultima conferma arriva da quanto riferito in un report dagli analisti della Leerink Partners, banca di investimenti specializzata nell’healthcare. Gli uomini di Leerink Partners avrebbero parlato con alcuni “pharmacy executives” americani. Il colosso di Seattle per ora sembrerebbe interessato alla distribuzione online di farmaci destinati ai clienti non assicurati o persone che dispongono di franchigie elevate e pagano in contanti per la maggior parte dei loro farmaci da prescrizione.

Dai 18 ai 24 mesi per entrare nel business

La realtà mostra che per ora si tratta ancora di una possibilità remota. Eppure gli analisti confermano che questa è la direzione intrapresa dalla multinazionale guidata da Jeff Bezos. I “piani alti” del settore farmaceutico che hanno parlato con Leerink avrebbero anche riferito che la compagnia di Seattle avrà bisogno dai 18 ai 24 mesi per ottenere le licenze di vendita di farmaci online nei 50 Stati dell’Unione.

Per gestire la distribuzione di farmaci online, Amazon pensa a un manager ad hoc

Non è la prima volta però che arrivano notizie simili su Amazon. Lo scorso 16 maggio, la Cnbc aveva riferito che il colosso dell’ecommerce stava assumendo un general manager per gestire un team dedicato al progetto. Mentre a novembre 2016 aveva lanciato, attraverso la catena di farmacie Bartell Drugs, i servizi “Prime” e “Prime Now” per farmaci senza obbligo di prescrizione. Il primo consisteva nella consegna di medicinali gratis entro due ore  e il secondo entro un’ora con un sovrapprezzo di 7,99 dollari. A questa mossa era seguita l’assunzione, a marzo, di Mark Lyon, un top manager proveniente dal campo delle assicurazioni sanitarie.

Ne abbiamo parlato sul numero di luglio/agosto 2017 di AboutPharma and Medical Devices