Gilead, farmaco anti Hiv bictegravir a basso costo nei Paesi poveri

L'azienda biotech americana darà in licenza il medicinale al Medicines patent pool, l'organizzazione finanziata dall'Onu che si occupa di migliorare l'accesso agli antiretrovirali per i Paesi poveri: così, il medicinale sarà disponibile a un prezzo contenuto in 116 Stati a basso e medio reddito

Farmaco anti Hiv

Gilead darà in licenza il proprio farmaco anti Hiv bictegravir al Medicines patent pool (Mpp), l’organizzazione finanziata dall’Onu che si occupa di migliorare l’accesso agli antiretrovirali per i Paesi poveri. Quando sarà approvato, il medicinale sviluppato dalla società biotech americana sarà prodotto e venduto a costi bassi in 116 Paesi a basso e medio reddito. L’azienda ha annunciato che includerà il farmaco anti Hiv candidato negli accordi già esistenti con alcuni produttori di generici. Nello specifico, Mylan, Sun Pharmaceutical Industries, Strides Shasun e Sequent Scientific. Il bictegravir sarà dato in licenza, “previa approvazione negli Stati Uniti”, sia da solo che in combinazione a dosi fisse con altri farmaci. Allo stesso tempo, il Mpp potrà dare a sua volta in licenza il farmaco anti Hiv ad altri genericisti in India, Cina e Sudafrica.

La dichiarazione di Gilead

“La competizione tra produttori ha ridotto dell’80% il prezzo più basso di una terapia generica anti Hiv di Gilead, fino a 3,50 dollari al mese a paziente”, ha affermato la società in una nota. “Il 99% delle persone sottoposte a terapie anti-Hiv Gilead nei Paesi emergenti ricevono farmaci generici”.

La competizione con Gsk

La mossa della società biotech americana è anche funzionale infatti all’ingresso del farmaco branded in Usa e in Europa, dove bictegravir è ancora in attesa di approvazione. In queste aree, Gilead vuole competere con Gsk. L’azienda britannica è produttrice del farmaco anti Hiv dolutegravir, che nel 2016 ha fatto realizzare vendite per 1,2 miliardi di dollari. L’annuncio dell’eventuale approvazione da parte della Fda è in programma per il 12 febbraio 2018.

Le mosse della concorrente

Gsk, che vende i suoi farmaci contro il virus Hiv attraverso l’unità Viiv Healthcare, sta lavorando invece a un trattamento basato sull’associazione di due farmaci, tra cui il dolutegravir. Sarebbe una differenziazione significativa rispetto alle tradizionali terapie antiretrovirali, comprese quelle di Gilead, basate sulla combinazione di tre farmaci.