AboutPharma Digital Awards 2017, i vincitori e i protagonisti

Record di progetti (167) presentati alla quinta edizione. Tredici in tutto i riconoscimenti assegnati a imprese, enti e associazioni pazienti. Tra le novità il premio speciale riservato alle startup e la piattaforma di e-voting. Best Digital Company è Janssen. Best Social Company sono MSD e Sanofi (dal numero 153 di AboutPharma)

AboutPharma Digital Awards 2017

Tintinnii di bicchieri che si incontrano per il brindisi, eleganza composta e atmosfera festosa. Poi l’annuncio dei vincitori, gli applausi scroscianti, le dichiarazioni, i sorrisi e le foto in posa. Anche quest’anno la serata degli AboutPharma Digital Awards 2017, celebrata il 26 ottobre a Milano all’interno del Teatro Vetra, ha aggiunto un tocco festoso al lavoro e alle idee di aziende healthcare, associazioni ed enti pubblici che si sono sfidati a colpi di progetti digitali.

AboutPharma Digital Awards 2017: la Best Digital Company è Janssen

 

Best Digital Company a Janssen

È Janssen la Best Digital Company 2017. La società si è aggiudicata il riconoscimento più ambito degli AboutPharma Digital Awards, giunti quest’anno alla quinta edizione. Gli Awards sono destinati a industrie life science, enti pubblici e privati, società scientifiche, associazioni di pazienti e (da quest’anno) startup, che si sono particolarmente distinte nell’innovazione in senso digitale delle proprie attività.

167 progetti presentati agli AboutPharma Digital Awards 2017

Sono stati 167 i progetti presentati quest’anno. Al termine dei due step di giudizio (ventinove in tutto i giurati suddivisi tra tecnici e istituzioni) a favore di Janssen ha pesato la vittoria già ottenuta in precedenza nella categoria “Progetti rivolti a medici, farmacisti e altri operatori sanitari – Aggiornamento e formazione dei medici” grazie al progetto JPepper Burke e al suo robot che interagisce con i clinici, capace di percepire e comprendere le emozioni, così da adattare il proprio comportamento a seconda dell’interlocutore.

Le Best Social Company: MSD e Sanofi

 

Paolo Mariani premia la Best Social Company con un ex aequo tra MSD e Sanofi

Sul gradino più alto sono salite anche MSD e Sanofi che si dividono ex aequo l’AboutPharma Digital Award come Best Social Company, che premia il miglior posizionamento e dinamismo sui principali social network. Le due aziende avevano già prevalso rispettivamente nelle categorie “Progetti rivolti a pazienti – Miglioramento della qualità di vita e aderenza alla cura” e “Progetti rivolti a pazienti – Multichannel e social marketing”. MSD ha vinto grazie a Chat yourself, prima chatbot per pazienti con malattia di Alzheimer agli esordi, pensata per tenere il filo della propria memoria. Sanofi con Abbassiamo il Colesterolo (AIC&MYPCoach), piattaforma che facilita prevenzione, diagnosi e cura della patologia dislipidemica.

I criteri di scelta

A supportare i giudici nella scelta è stato un nuovo sistema di votazione online basato sulla piattaforma Eligo. Per concorrere agli AboutPharma Digital Awards 2017 nelle categorie speciali Best Digital e Social Company, tutte le aziende farmaceutiche, biotecnologiche e di medical device hanno dovuto presentare almeno tre progetti. La decisione finale della giuria si è basata sulla valutazione dei singoli progetti presentati e del profilo social e digital delle società in gara.

Innovation, Engage, Impact

Innovation, Engage, Impact. Sono queste le parole chiave degli AboutPharma Digital Awards 2017. La prima richiama l’innovatività e l’originalità del progetto candidato. Qualcosa di unico, che abbia, nel corso dei mesi e degli anni, un evidente impatto nel settore di riferimento. Il secondo cardine del concorso si riferisce alla capacità di penetrare il mercato con un’idea intelligente che davvero cambi le cose, che migliori la capacità organizzativa di un’azienda, la salute dei pazienti e la professione di medici e farmacisti. Ma tutto questo ha bisogno di un terzo elemento trainante. Quello dell’engagement. Il processo richiede un accompagnamento dei soggetti interessati attraverso tutte le sue fasi. Bisogna coinvolgere professionisti, clinici, pazienti e dipendenti nella realizzazione dell’idea. Per quanto innovativo e di impatto il progetto sia, è comunque necessario il sostegno di tutto l’ecosistema in cui l’azienda si muove. Compresi i social network.

“Abbiamo bisogno di lavori interdisciplinari. A livello di progettazione – commenta in video Luca Toschi, dell’Università di Firenze, nonché membro della giuria – bisogna mettere intorno a un tavolo aree di competenza e ricerca diverse. Oggi abbiamo bisogno di innovazioni di sistema. Ben vengano i prodotti, ma è importante che un’esperienza così fondamentale come Industria 4.0. si renda sempre più conto che l’innovazione vera è proprio quella di sistema”. E nel sistema rientrano anche le farmacie. “Porteremo i progetti delle farmacie alla conoscenza di tutti”, ha detto Annarosa Racca, presidente Federfarma Lombardia, nonché membro della giuria istituzionale. “L’informatizzazione della farmacia è una realtà. Lo dimostra la ricetta elettronica che ha uniformato il Paese”.

Le cinque candeline degli AboutPharma Digital Awards

 

L’amministratore delegato di HPS – AboutPharma, Stefania Ambra

Sono passati cinque anni dalla prima edizione degli AboutPharma Digital Awards. Le tecnologie si sono evolute e con esse anche le aziende del settore healthcare. Ma a crescere con loro è stato il concorso stesso. “Nel 2013 abbiamo lanciato il primo AboutPharma Digital Awards con l’auspicio che potesse diventare un appuntamento annuale dedicato a tutti quei progetti digitali che stanno popolando e trasformando il mondo della salute, sia per le loro applicazioni cliniche che per quelle della comunicazione e della formazione”, commenta Stefania Ambra, amministratore delegato di Hps-AboutPharma. “Guardavamo con fiducia al risultato, con la sensazione di aver colpito nel segno. Dagli 85 progetti candidati nel 2013, siamo arrivati a 167 progetti unici di elevata qualità”. Il totale è quasi raddoppiato, insomma, passando per i 95 progetti del 2014, i 153 del 2015 e i 139 del 2016.

“Le ragioni di questo successo sono molteplici. Tra queste, la condivisione del percorso di preparazione con gli stakeholder, il coinvolgimento dei giudici e la graduale ma progressiva evoluzione della tipologia dei progetti da premiare, che accompagna e si allinea alla rapida evoluzione dell’offerta digitale in campo sanitario”, conclude Stefania Ambra. Tra i segnali di novità, come evidenziato anche da Eugenio Santoro (Istituto Mario Negri), giudice tecnico degli Awards sin dalla prima edizione, c’è stata l’apertura a nuove categorie di pazienti.

La novità delle startup

 

Federico Barilli premia CAREPY

Il 2017 è stato l’anno delle giovani imprese innovative. Per la prima volta, infatti, non solo grandi aziende o istituzioni hanno concorso per l’ambito premio. Alla fine ha trionfato Carepy, e a premiare sul palco la startup è stato Federico Barilli, segretario generale di Italia Startup. Il sistema è nato dall’idea di tre ragazzi – Davide Sirago, Luigi Brigida e Alessio Germinario – che hanno creato una soluzione informatica per migliorare la qualità della vita dei malati e di chi li assiste, con l’obiettivo di migliorare l’aderenza terapeutica e diminuire la spesa a carico del Ssn. La stessa esperienza, lo scorso anno, era stata premiata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’ambito del concorso nazionale “Il premio dei premi”.

Miglioramento dell’offerta sanitaria: vince l’Asl di Taranto

 

Claudio Caccia premia SMART HEALTH di ASL Taranto-I-Tel

Il Premio speciale riservato ai progetti di miglioramento dell’organizzazione e dei processi dell’offerta sanitaria va al progetto Sm@rt Health. Attivo dal 2015, è un progetto multicanale, trasversale e digitale che ottimizza più processi come liste d’attesa, prenotazioni, pagamenti, campagne screening e vaccinali, recupero crediti e privacy. L’innovatività riconosciuta dalla giuria alla Asl di Taranto, sta nel garantire un servizio di sanità 2.0, una forte trasversalità, ma anche la tracciabilità per fini amministrativi e legali, nonché una totale interconnessione delle attività e dei flussi di informazioni su più servizi.

Disease awareness e prevenzione patologie: primo premio a Pfizer

 

Emanuela Pieroni premia CAPITAN HEMO di Pfizer – Mc Cann

Il premio Disease awareness e prevenzione patologie, nella categoria Progetti rivolti ai pazienti se lo aggiudica Capitan Hemo (Agenzia: McCann Health). È un’applicazione per dispositivi mobili (smartphone e tablet), strutturata come edugame per bambini fra i 3 e i 10 anni. A seconda dell’età dei bambini la app propone due linguaggi e tipologie di comunicazione differenti. Per il target primario 3-5 anni vengono utilizzate prevalentemente immagini, colori e suoni con giochi a livello. Per il target 5-10 anni si ricorre a testi scritti e animazioni con giochi dinamici e sfidanti. Con l’applicazione i giovani pazienti vengono informati sulla loro patologia nonché educati a comportamenti non lesivi nei loro confronti per non mettere a rischio la propria salute. Sul podio: Ho una storia da raccontare di MSD (2°); LmCome di Janssen (3°); La Mia ipertensione di Servier Italia – IFB Stroder (4°); Tiroide, meriti il meglio di Fondazione Cesare Serono (5°).

Miglioramento della qualità di vita e aderenza alle terapie: MSD sul gradino più alto del podio

 

Daniele Sesini premia CHAT YOURSELF di MSD

Il riconoscimento per il Miglioramento della qualità di vita e aderenza alle terapie, nella categoria Progetti rivolti ai pazienti, è per Chat Yourself (Agenzia: Y&R – Italia Longeva). Progettato da MSD, è un chatbot per aiutare le persone affette da Alzheimer a tenere il filo della propria memoria. Il software basato sull’intelligenza artificiale è in grado di simulare una conversazione con se stessi sulla chat di Facebook. Una sorta di assistente virtuale capace di memorizzare l’intera vita di una persona restituendole informazioni su richiesta (24 ore su 24). Sul podio: Pedius di Pedius (2°); Modusonline di Roche diabetes care (3°); Carepy di Carepy (4°); One touch reveal di J&J medical (5°).

Patient empowerment: la migliore è Biogen

 

Erika Mallarini premia IO NON SCLERO di Biogen-Edelman

Il premio Patient empowerment nella categoria Progetti rivolti ai pazienti è per Io non sclero (Agenzia: Edelman). Si tratta di una campagna di informazione e sensibilizzazione sulla sclerosi multipla sviluppata da Biogen insieme all’Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda), in collaborazione con l’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) e con il patrocinio della Società italiana di neurologia (Sin). Dal 2014 la campagna svela il vero volto della sclerosi multipla in Italia attraverso una strategia di comunicazione integrata, dove le dimensioni offline e online si intrecciano. I pazienti e i loro familiari sono i veri protagonisti della campagna, soprattutto sui social. Facebook fa da padrone con una community online che vanta 76 mila like. Sul podio: Vree monitor salute di MSD (2°); One touch reveal di J&J medical (3°); Chiedilo a Sic di Sic (4°); Docured, il whatsapp della telemedicina di Big Tree (5°).

Aggiornamento e formazione dei medici: primo Janssen

 

Nicola Natale premia JPEPPER BURKE di Janssen-Softec

L’Award per l’Aggiornamento e formazione dei medici, nella categoria Progetti rivolti ai medici, farmacisti e altri operatori sanitari, è per JPepper Burke (Agenzia: Softec). L’innovazione vincitrice è una sorta di compagno robot, creato con lo scopo di comunicare con le persone nel modo più naturale e intuitivo possible. Secondo gli ideatori di Janssen, Pepper è capace di percepire e comprendere le emozioni, così da adattare il proprio comportamento a seconda del proprio interlocutore. Sul podio: Resuscitation game di Imaginary (2°); Univadis mobile app di Aptus health (3°); Ecosistema MSD salute di MSD (4°); ProfessionistiSalute di Novartis (5°).

Supporto alla professione dei medici: premio a FinCeramica Faenza

 

Roberto Valenti premia ANYTIME YOU NEED, ANYTIME YOU ARE di FIN CERAMICA FAENZA

Il premio per il Supporto alla professione dei medici (categoria Progetti rivolti ai medici, farmacisti e altri operatori sanitari) è per Anytime you need, anywhere you are: CustomBone Service. È un portale accessibile via internet, nel quale il neurochirurgo e il suo staff caricano la Tac del paziente. I tecnici Finceramica la elaborano attraverso un sistema di modellazione 3D e realizzano il prototipo della protesi. Quando validata, la protesi viene realizzata e spedita alla struttura ospedaliera per l’impianto. La novità è che non è più necessario inviare le Tac e i prototipi fisici tramite corriere. Si riducono quindi i tempi di gestione, i ritardi e si proteggono i dati personali dei pazienti. Il chirurgo è sempre in grado di collegarsi e richiedere online modifiche al progetto con semplice click. Sul podio: Appcardiosound di MSD (2°); Fastex web app di Sanofi (3°); Smartsens di AbbVie (4°); Igibd Score di AbbVie (5°).

Aggiornamento e supporto alla professione di farmacisti e altri operatori sanitari: vince Apoteca Natura

 

Annarosa Racca premia PHAN PRACTICE SYSTEM- VIRTUAL REALITY TRAINING di Apoteca Natura

Il miglior Aggiornamento e supporto alla professione di farmacisti e altri operatori sanitari (categoria: Progetti rivolti ai medici, farmacisti e altri operatori sanitari) è del PhAN practice system – virtual reality training (Agenzia: 3F–Lab). La piattaforma interattiva in realtà virtuale riproduce l’intero contesto di interazione tra farmacisti e clienti/pazienti nell’ambito dell’attività di consiglio in farmacia. L’obiettivo è innovare la formazione obbligatoria di tutti i farmacisti della rete delle farmacie Apoteca Natura,con lo scopo di sviluppare le hard e le soft skill indispensabili per l’erogazione di un servizio qualificato e personalizzato in base alla clientela. Sul podio: Vicini, concreti, digitali di Zambon (2°); Proximity marketing di MSD (3°); Younique di Sanofi (4°); E-Camp flexima 3S di B.Braun (5°).

Engagement del team aziendale: Merck al primo posto

 

Agostino Carloni premia MERCK FOR HEALTH di Merck

Il premio per l’Engagement del team aziendale (categoria: Progetti di digitalizzazione delle industrie life science) se lo aggiudica Merck for Health. Si tratta di un progetto a lungo termine per trovare nuove idee e soluzioni ai problemi dei pazienti. Prevede un hackaton di 48 ore di innovazione e lavoro di squadra, la sinergia di quattro startup nate dall’incontro di studenti e professionisti del settore healthcare e un follow up di sei mesi di accelerazione con il supporto dei mentore di Merck. Sul podio: Facciamoci sentire di Daiichi Sankyo (2°); Polifarma digital transformation di Polifarma (3°); App Eca di MSD (4°); Pfizergo di Pfizer (5°).

Multichannel e social marketing: Sanofi in testa

 

Eugenio Santoro premia AIC & MYPCOACH di Sanofi

Il riconoscimento Multichannel e social marketing, nella categoria Progetti di digitalizzazione delle industrie life science, è per Abbassa il colesterolo & MYPCoach. AIC&MYPCoach è un progetto multicanale per la prevenzione, diagnosi e cura del colesterolo. La divisione diabete & cardiovascolare (Dcv) di Sanofi, partendo dalla creazione di un portale legato alle tematiche del colesterolo è giunta alla realizzazione di un vero e proprio network che fornisce approfondimenti sulla patologia, consigli di carattere scientifico e sullo stile di vita da seguire. Sul podio: JPepper Burke di Janssen (2°); Programma di (tras) formazione digitale di Merck (3°); Chiedi al tuo dermatologo di Novartis (4°); Dona i tuoi amici di AbbVie (5°).

Progetti di miglioramento dell’organizzazione e dei processi dell’offerta sanitaria: vince MSD

 

Lorenzo Leogrande premia VREE MONITOR SALUTE di MSD

Nella categoria Progetti rivolti a istituzioni/payors, Vree monitor salute vince come miglior progetto di miglioramento dell’organizzazione e dei processi dell’offerta sanitaria. Monitor Salute è un servizio realizzato per il telemonitoraggio domiciliare dei pazienti cronici attraverso app per smartphone e tablet. Alla base, la necessità di migliorare l’aderenza terapeutica, la riduzione delle complicazioni come i ricoveri, migliorare la qualità della vita ed il contenimento dei costi. Il paziente si sente responsabilizzato sul proprio stato di cura e seguito costantemente dal medico. Il rapporto tra i due, così, si rafforza. Sul podio: Sm@rt Health di Asl Taranto (2°); Make to care di Sanofi (3°); Triathlon di Janssen (4°); La prevenzione cardiovascolare scorre in Italia di Boehringer Ingelheim (5°).

La giuria tecnica degli AboutPharma Digital Awards 2017

La giuria tecnica degli AboutPharma Digital Awards 2017 è composta da: 

  • Luca Conti
  • Guendalina Graffigna
  • Sergio Pillon
  • Eugenio Santoro
  • Luca Toschi.

La giuria istituzionale degli AboutPharma Digital Awards 2017

La giuria istituzionale degli AboutPharma Digital Awards 2017 è composta da:

  • Enrico Allievi
  • Federico Barilli
  • Claudio Caccia
  • Agostino Carloni
  • Maria Pia Cirenei
  • Fiorenzo Corti
  • Marco Cossolo
  • Claudio Cricelli
  • Antonio Gaudioso
  • Fernanda Gellona
  • Lorenzo Leogrande
  • Roberto Liscia
  • Erika Mallarini
  • Paolo Mariani
  • Emanuela Pieroni
  • Nicola Pinelli
  • Annarosa Racca
  • Daniele Sesini
  • Pier Carlo Sommo
  • Michele Uda
  • Roberto Valenti
  • Franco Vimercati
  • Leonardo Vingiani
  • Roberto Volpe.

 

Leggi l’articolo sul numero di novembre di AboutPharma and Medical Devices