Professioni pharma: dove tira il vento? Da Kelly Services una guida per orientarsi

Quali sono le qualifiche e le skill necessarie nel mondo pharma? Una guida di Kelly Services per orientarsi in un mercato del lavoro molto competitivo

Professioni pharma

I professionisti del settore pharma sono sempre più ricercati: complici lo sviluppo costante del settore e la sempre maggior specializzazione richiesta agli operatori, oggi il mondo che gravita intorno alla life science è più che mai in crescita. In un contesto simile, le persone che, con il loro lavoro, sorreggono e alimentano questo sviluppo sono sempre più ambite dal mercato del lavoro.
Kelly Services ci offre una fotografia aggiornata delle professioni più richieste nel settore life science e su quelle che sono maggiormente cambiate negli ultimi anni.

Nel 2017 le figure più richieste sono state l’informatore scientifico del farmaco, che opera sul medico generico e il product specialist, che opera, al contrario, sullo specialista o in ambito ospedaliero, il key account, con un focus farmaceutico per lo sviluppo di nuovi mercati, il quality assurance settore medicale, una figura che si occupa di progettazione, implementazione, monitoraggio e miglioramento del sistema di gestione della qualità. Infine, una figura generalmente richiesta, soprattutto per il temporary, è quella dei neo-laureati ingegneri biomedici, disposti a trasferte in tutto il mondo, con un ottimo inglese.
Per quanto riguarda il 2018, le professioni maggiormente richieste saranno il key account del settore farmaceutico, figura professionale con il compito di promuovere un dialogo costruttivo tra le imprese farmaceutiche e le istituzioni sanitarie, il clinical specialist, un infermiere specialista di prodotto per le aziende del settore medicale e le figure commerciali sul canale delle farmacie.

Negli ultimi anni, molte professioni – anche quelle più tradizionali – sono cambiate. Ad esempio, le figure di ricerca e sviluppo non più solo votate solamente al laboratorio o alla produzione ma è richiesto che si interfaccino con il dipartimento sales e marketing, per offrire soluzioni e prodotti in modo condiviso e strategico, “confezionato” sempre più sulle esigenze del cliente e del mercato.
Altra figura che ha subito nel corso degli anni un sensibile cambiamento è l’infermiere clinical specialist, un infermiere specialista di prodotto, non più impiegato in ambito clinico ma che fa il suo ingresso in azienda per fornire supporto tecnico e clinico alla forza vendita nelle diverse fasi di presentazione, addestramento e utilizzo dei dispositivi medici, affiancando direttamente gli operatori sanitari presso i reparti ospedalieri.