Nutrizione neonatale: nasce un master dedicato a pediatri e neonatologi

Al via un corso avanzato, rivolto anche a pediatri in formazione, nelle università di Milano, Roma e Palermo. Focus sui prime mille giorni di vita per prevenire sovrappeso e obesità

Formare adeguatamente pediatri e neonatologi per contrastare sovrappeso e obesità infantile. È l’obiettivo di un nuovo percorso formativo dedicato alla nutrizione neonatale lanciato dalle università di Palermo, Milano e Roma. Un’iniziativa, presentata in questi giorni nel capoluogo siciliano, realizzata in collaborazione con le società italiane di pediatria e neonatologia e con il sostegno incondizionato di Kraft Heinz.  Il master si rivolge anche ai giovani pediatri in formazione.

Un’epidemia da arginare

“L’epidemia di sovrappeso e obesità che sta colpendo l’infanzia – commenta Giovanni Corsello, presidente della Società Italiana di pediatria (Sip) – è un problema sociale che ha origini multifattoriali. Sedentarietà e alimentazione sbilanciata sono due facce di una medaglia su cui abbiamo il dovere di intervenire, coinvolgendo tutti coloro che ruotano intorno al bambino e all’adolescente, compresi scuola e famiglia. Il pediatra gioca un ruolo di grande importanza nell’accompagnare i genitori alle prese con le scelte alimentari riguardanti i propri figli”.

 I primi mille giorni

“Alimentazione e nutrizione in età neonatale ed evolutiva – spiega Fabio Mosca, direttore dell’Unità operativa di Neonatologia del Policlinico di Milano e Tin dell’Irccs Cà Grande Ospedale Maggiore – assumono un valore strategico che incide anche sulla salute di cui il bambino potrà godere una volta divenuto adulto.  Occorre porre un’attenzione continua all’alimentazione dei bambini e ricordare che i primi mille giorni di vita sono fondamentali”.

 Nuovi approcci

“Nuove evidenze scientifiche e modalità di approccio clinico – sottolinea Mario De Curtis, ordinario di Pediatria dell’Università La Sapienza e direttore dell’Uoc di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale del Policlinico Umberto I – hanno cambiato le nostre conoscenze neonatologiche. Alcune nozioni note da tempo, quali il valore del latte materno e la prevenzione della malnutrizione si sono arricchite di nuovi elementi. È necessaria una maggiore consapevolezza sulle reali esigenze alimentari dei più piccoli, a partire dall’evidenza che il bambino non è un adulto in miniatura, ma ha bisogni nutrizionali peculiari, specifici e diversi da quelli degli adulti”.

Partnership dal valore sociale

L’iniziativa di formazione, chiamata “Programma Academy”, nasce grazie alla partnership tra alcune scuole di specializzazione in Pediatra e il Gruppo Kraft Heinz.  “È una best practice dedicata al pediatra in formazione –  spiega Luigi Cimmino Caserta, responsabile dei rapporti con le istituzioni e le società scientifiche di Kraft Heinz Company – oltreché un esempio virtuoso di collegamento tra società scientifiche e aziende. Da sempre attenti alle esigenze nutrizionali dei più piccoli, riteniamo che questo progetto costituisca un risultato di grande valore, non solo scientifico ma anche sociale, perché ci aiuterà ad avere oggi bambini che si alimentano meglio, e domani adulti più sani”. Programma Academy è stato presentato a Palermo in occasione di una due giorni (6-7 dicembre) dedicata alla nutrizione infantile: dalla corretta alimentazione del neonato nei primi mille giorni, all’allattamento materno, dallo svezzamento bilanciato all’uso di integratori. Senza tralasciare la promozione di abitudini alimentari e stili di vita in grado di prevenire l’obesità.