Un anno di AboutPharma: tutte le cover del 2017

Sanità, corruzione, innovazione, legge concorrenza, Ema. Sono alcuni dei temi a cui AboutPharma ha dedicato le sue copertine. Mese dopo mese, il 2017 visto attraverso le nostre cover

Un anno di AboutPharma

Cosa resterà di questo 2017? È stato un anno importante per la sanità italiana (e internazionale) e il settore farmaceutico. Per dirne alcuni, sono arrivati i nuovi Lea, il ddl concorrenza è diventato legge e l’Ema ha trovato la sua nuova sede ad Amsterdam. AboutPharma ha racconto i fatti in dieci numeri. Mese dopo mese, copertina dopo copertina. Eccole qui: un anno di AboutPharma attarverso tutte le cover del 2017.

La sanità ripensa se stessa

Il 2017 come spesso accade era iniziato con i buoni propositi. Con il primo numero dell’anno dedicato alla sanità italiana impegnata a ripensare a sé stessa partendo dalla governance. “Nei prossimi mesi e anni il welfare del nostro Paese è atteso da riforme importanti che non possono più prescindere dalla capacità di pesare correttamente il valore delle tecnologie innovative” scriveva il neodirettore Stefano di Marzio in un’intervista a Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità su farmaci, device, regole e Hta.

Alla ricerca dell’innovatività

A marzo abbiamo provato a capire dove si nasconde l’innovazione con uno speciale di 30 pagine dedicato alle nuove frontiere della tecnologia per la salute. “Entro il 31 marzo l’Aifa deve indicare i criteri per attribuire valore (e soldi) ai farmaci di ultima generazione. Intanto l’industria ricorre già all’intelligenza artificiale per abbattere costi e tempi di ricerca e sviluppo. Crescono gli investimenti sulle startup in ambito
life science”.

Tutti vogliono gli innovativi

Ancora innovazione. Questa volta con i criteri stabiliti dall’Aifa sui nuovi farmaci, dall’autorizzazione al pricing. Regole che ribadiscono il principio del valore terapeutico aggiunto e mettono enfasi su robustezza e qualità dei dati scientifici da inserire nel dossier. Con l’ipotesi di un apertura per la dispensazione di alcune molecole da parte delle farmacie territoriali e di prescrizione da parte dei medici di medicina generale, previa adeguata formazione. Per Mario Melazzini però, “il nodo resta la governance e serve uno sforzo etico da parte dell’industria”.

Etica, integrità, trasparenza

Ovvero: tutte le mosse per migliorare la reputazione dell’impresa. A maggio ci siamo occupati del calo della reputazione di Big pharma, e di come invertire la rotta. A iniziare dall’ascolto dei pazienti. Secondo un’indagine di Patient View, che raccoglie le opinioni di quasi 1.500 associazioni sparse in tutto il mondo, sotto esame ci sarebbe stata l’immagine di 47 multinazionali dal farmaco. ViiV Healthcare, AbbVie e Novartis le migliori in classifica, con un trend generale però, poco entusiasmante. Ma anche corruzione, codice degli appalti, normative sulla trasparenza e market access. 

Risorse umane e formazione

È stato il tema portante del mese di giugno, quando abbiamo parlato del pharma e della sua voglia di ristrutturazione attraverso la ricerca di profili hi tech. Dal data scientist agli specialisti di medical humanities. Abbiamo parlato del medico del futuro che userà robot e 3D, dell’era 4.0 della supply chain, dell’evoluzione digitale secondo McKinsey, di investimenti, coinvolgimento dei pazienti e rapporto tra cittadini e digital.

 

Corruzione

L’estate ha dato voce a Raffaele Cantone, presidente dell’Anac, che in una lunga intervista per AboutPharma, ricorda come contro la corruzione gli atti formali e l’indignazione non bastino più. A luglio, a pochi giorni dalla sua relazione annuale in Parlamento, Cantone chiedeva al Governo di facilitare una maggiore trasparenza nei meccanismi che regolano l’accreditamento delle strutture sanitarie, giudicava inefficace la legge 231 e spiegava il funzionamento del Piano nazionale messo a punto con Agenas e ministero della Salute. Con un plauso a Farmindustria.

Ema: inizia il conto alla rovescia

Avevamo iniziato a parlarne già da tempo, ma da settembre l’idea che Milano potesse ospitare la nuova sede dell’Ema si era fatta più concreta.  Soprattutto perché poteva offrire una casa ideale: il Pirellone. La nostra cover è stata un omaggio al grattacielo Pirelli, ideato da Giò Ponti negli anni ’50. Attraverso un reportage di foto abbiamo raccontato la sua storia, che si intersecacon quella di una Milano che ha saputo rinnovarsi e migliorarsi. Con l’intervento di Giovanni Multari dello studio Corvino+Multari che ha curato l’ultimo restauro dell’edificio tra il 2002 e il 2004.

Legge concorrenza

Ottobre si apre con il ddl concorrenza che diventa legge. Una rivoluzione per il mondo della farmacia, che porterà a una reazione a catena anche nell’industria. “Secondo il parere degli esperti di Bcg e Pwc la legge Concorrenza, che permette l’ingresso di società di capitali, imporrà all’industria dell’healthcare di rivedere le strategie di marketing, HR e in qualche caso anche il portfolio prodotti, per effetto dell’arrivo sugli scaffali del private label a basso costo”. La visione degli stakeholder: distributori, industria, studi legali, analisti e farmacisti.

AboutPharma Digital Awards 2017

Novembre per Aboutpharma è sempre tempo di Digital Awards.  La cover del mese è stata dedicata a tutti i vincitori della quinta edizione. Un’edizione da record con 167 progetti presentati. Mai così tanti. Tredici in tutto i riconoscimenti assegnati a imprese, enti e associazioni pazienti. Tra le novità il premio speciale riservato alle startup e la piattaforma di e-voting

 

Quel che resta dell’Ema

Dopo la beffa giocataci dal destino, che ha portato la nuova sede dell’Agenzia europea dei medicinali ad Amsterdam, non resta che parlare dell’eredità rimasta dopo la “partita Ema”.  Restano infatti, dopo la delusione, le prospettive di accordi internazionali. Ora, digerita la sconfitta, alle imprese italiane non resta che fare l’inventario delle intese strette durante i mesi di campagna promozionale per Milano. Un tesoretto che andrà valorizzato non solo in ambito healthcare, ma in ogni settore produttivo del Paese