Asma, benralizumab approvato dalla Commissione europea

L'esecutivo Ue concede l'autorizzazione all'immissione in commercio per l'anticorpo monoclonale sviluppato da AstraZeneca per il trattamento dell'asma grave eosinofillico

benralizumab

La Commissione europea approva l’anticorpo monoclonale benralizumab per il trattamento dell’asma grave eosinofillico. Il farmaco è il primo biologico approvato in ambito respiratorio con un programma di mantenimento di 8 settimane. Ha ottenuto la raccomandazione del Chmp Ema lo scorso novembre. L’autorizzazione all’immissione in commercio per il farmaco sviluppato da AstraZeneca (nello specifico, dalla divisione di ricerca e sviluppo MedImmune) è arrivata in base ai risultati del programma Windward. Quest’ultimo include trial di Fase III sulle esacerbazioni e uno studio di Fase III sulla diminuzione dell’utilizzo di corticosteroidi orali.

Benralizumab ha già ottenuto l’approvazione da parte della Fda ed è in attesa di approvazione da parte di altri enti regolatori

A novembre 2017, la Food and drug administration ha approvato benralizumab come trattamento aggiuntivo per i pazienti con asma grave dai 12 anni in su, e con un fenotipo eosinofilico. Il farmaco è attualmente in via di approvazione da parte degli enti regolatori in Giappone e in altri Paesi.

Canonica (Humanitas University & Research Hospital): “Una nuova arma terapeutica”

Giorgio Walter Canonica, direttore del Centro medicina specializzata Asma e allergologia di Humanitas University & Research Hospital, ha dichiarato: “Molti pazienti con asma grave eosinofilico hanno ogni giorno sintomi debilitanti e vanno incontro, nonostante le cure, a un rischio aumentato di ospedalizzazioni, accessi al pronto soccorso e di morte. Benralizumab rappresenta una nuova arma terapeutica che speriamo venga resa disponibile ai pazienti il prima possibile”.

Come va somministrato il farmaco

Benralizumab sarà disponibile in una dose fissa da somministrare sotto forma di iniezione sottocutanea con una siringa preriempita una volta ogni 4 settimane per le prime 3 dosi. E in seguito una volta ogni 8 settimane.

Cosa sono gli eosinofili

Gli eosinofili sono globuli bianchi che fanno parte del sistema immunitario. Un livello elevato di questo tipo di globuli bianchi, presenti almeno in metà dei pazienti con asma grave, genera infiammazione e iperresponsività delle vie aeree. Di conseguenza, i sintomi peggiorano, l’asma si aggrava e peggiorando i sintomi e diminuisce la funzione polmonare, con incremento delle esacerbazioni. Benralizumab si lega al recettore IL-5α espresso sulla superficie dell’eosinofilo e attiva le cellule natural killer adatte all’apoptosi, ovvero la morte programmata delle cellule).