Ema, Milano chiederà l’accesso agli atti di Amsterdam

Da Palazzo Marino fanno sapere che il sindaco Beppe Sala chiederà di visionare i documenti presentati dall'Olanda per competere nella gara Ema. Intanto si aspetta la visita della Commissione parlamentare ambiente e salute pubblica nei Paesi Bassi il 22 febbraio, dopo la quale verranno fatte ulteriori valutazioni

Milano chiederà l’accesso agli atti che Amsterdam ha presentato per l’assegnazione di Ema. Dal Comune continuano ad arrivare rassicurazioni sul fatto che le istituzioni stanno dando il massimo nell’offensiva contro l’Olanda.

Ciò che manca

L’obiettivo è quello di trovare il bandolo della matassa e capire cosa Amsterdam ha davvero nascosto. Di certo il governo olandese ha chiesto la confidenzialità di certi dettagli relativi alle sedi temporanee. Ciò che preme è anche scoprire se la proposta olandese è stata modificata in itinere. Perché il punto è qui. Nella proposta inviata alla Commissione, come poi specificato nelle relazioni tecniche, alcuni dati erano stati secretati. Fin qui niente di strano, lo hanno fatto in tanti. Ma quello che ha dato il là alle istanze italiane è la supposizione che Amsterdam abbia cambiato sede temporanea (Spark building) dopo averne proposte altre due (Tripolis-Burgerweeshuispad e Infinity Business Center-Amstelveenseweg).

La procedura

Innanzi tutto verrà formulata una richiesta e una petizione di audizione in Parlamento europeo in cui sarà il sindaco Beppe Sala a farsi carico delle volontà italiane di vederci chiaro. Ma c’è di più. La Corte europea di giustizia Ue ha affidato a un giudice olandese il ricorso con cui il Comune di Milano ha chiesto di sospendere il trasferimento dell’Ema. Toccherà quindi al vicepresidente del Tribunale Marc van der Woude dirimere la faccenda e valutare se accogliere o meno i desiderata italiani. Le polemiche non sono mancate.
Intanto per il 22 febbraio è stata organizzata una spedizione della Commissione parlamentare ambiente e salute pubblica al cantiere del Vivaldi building. Solo dopo questo appuntamento si faranno ulteriori valutazioni.