Medicina personalizzata, nuovi accordi tra Gilead e Sangamo

L'azienda biotecnologica californiana, tramite la sua controllata Kite pharma, stringe un accordo di tre miliardi per lo sviluppo di una nuova terapia genica. Volano i titoli in Borsa di Sangamo, +6 punti percentuali

pharmanutra

Nuovi accordi di collaborazione nel campo della medicina personalizzata. Kite pharma, controllata di Gilead, ha stretto un accordo con Sangamo Therapeutics, società che si occupa di editing genetico. In questo modo la biotech californiana avrà accesso alla tecnologia di gene editing “zinc finger nuclease” per lo sviluppo di terapie oncologiche geniche ex-vivo. Il Nasdaq, indice di Borsa a cui Sangamo è quotata, ha premiato l’accordo. Guadagno di sei punti in pre-market.

I termini dell’accordo

L’accordo di licenza prevede subito un primo pagamento di 150 milioni. I successivi versamenti saranno dispensati a seguito di precisi obiettivi raggiunti per un massimo di tre miliardi di dollari.
Il contratto siglato con Sangamo rientra all’interno di una strategia ben definita che Gilead ha avviato con l’acquisizione di Kite e di Cell Design. Inoltre Sangamo, qualche settimana fa, ha stretto un accordo anche con Pfizer per lo sviluppo di un’altra terapia genica contro la sclerosi laterale amiotrofica.
Altre parti dell’accordo prevedono che Sangamo riceva delle royalty per future vendite. Mentre Kite sarà responsabile per lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione dei prodotti.

Una terapia emergente

“L’emergere dell’editing genetico come strumento per modificare il sistema immunitario migliorerà la sicurezza, l’efficacia e l’efficienza delle terapia”, ha detto John Milligan, presidente e Ceo di Gilead. “Questa collaborazione tra Kite e Sangamo mette insieme due importanti piattaforme per lo sviluppo di terapie oncologiche”, ha detto Sandy Macrae, presidente e ad di Sangamo. La transazione tra le due aziende sarà soggetto alla normativa antitrust chiamata Hart-Scott Rodino Antitrust Improvements Act.