M&A, Eli Lilly annuncia l’acquisizione di Armo Biosciences per 1,6 miliardi

L'accordo prevede una spesa di 50 dollari ad azione. L'azienda di Indianapolis punta a rafforzarsi nel settore dell'immunoncologia, area nella quale è molto forte il nuovo partner

accordo tra Neuraxpharm e Almirall

Eli Lilly annuncia l’acquisizione della società biotecnologica Armo Biosciences. Un accordo che in totale varrà 1,6 miliardi di dollari. Ne da notizia l’azienda stessa in una nota stampa.

L’accordo

L’annuncio è stato dato il 10 maggio. Sul contratto, nero su bianco, è scritto che Eli Lilly pagherà 50 dollari ad azione per un totale di 1,6 miliardi di dollari. Il tutto avverrà in un’unica transazione cash e si dovrebbe concludere entro il 2018. Credit Suisse ha seguito Eli Lilly da un punto di vista finanziario, mentre la parte legale è stata affidata a Wachtell, Lipton, Rosen & Katz. Armo, invece, si è affidata a Centerview Partners, Board e Jefferies per le contrattazioni finanziarie. Mentre a Gunderson Dettmer per gli affari legali.

Pipeline immunoncologica

Armo Biosciences è una società biotecnologica che si occupa di immunoncologia e sviluppa nuovi farmaci anticancro. Un boccone prelibato per Lilly visto l’ultimo prodotto di Armo. Pegilodecakin, che ha dimostrato benefici clinici interessanti sia come singolo agente che in combinazione con altri inibitori. Al momento questo farmaco è in fase clinica III per il tumore pancreatico. Allo stesso tempo è anche sotto esame per tumori polmonari, renali e melanoma. “L’acquisizione è promettente per lo sviluppo di una nuova generazione di farmaci immunoterapici”, ha detto Sue Mahony, vice presidente e presidente di Lilly Oncology. “Date le risorse di Eli Lilly, possiamo migliorare il valore di pegilodecakin e della nostra pipeline”, ha aggiunto il presidente e ceo di Armo Peter Van Vlasselaer.