Regioni, via libera al riparto di 110 miliardi del fondo sanitario

C'è l’intesa sulla ripartizione del Fondo sanitario 2018. In gran parte per il cosìddetto fondo indistinto, a cui bisogna aggiungere 1,1 miliardi di euro per i fondi vincolati agli obiettivi del piano sanitario

Semaforo verde anche al riparto del fondo sanitario. “Dopo l’accordo politico che le Regioni avevano raggiunto a febbraio, finalmente esprimiamo l’intesa sulla ripartizione del Fondo sanitario 2018. Complessivamente 110,1 miliardi di euro. In gran parte per il così detto fondo indistinto, a cui bisogna aggiungere 1,1 miliardi di euro per i fondi vincolati agli obiettivi del piano sanitario”. Lo ha preannunciato il vicepresidente Giovanni Toti (Presidente della Liguria) al termine della Conferenza delle Regioni e delle province autonome.

Terminare la stagione dei tagli

“Ora il nostro auspicio – ha aggiunto il coordinatore della Commissione salute della Conferenza delle Regioni, Antonio Saitta (Assessore Regione Piemonte) – è che il Governo rispetti gli impegni programmatici preannunciati. Bisogna riallineare il fondo sanitario a livelli pari a quelli di altri Paesi europei. Soprattutto bisogna mettere fine alla stagione dei tagli”.

Le borse di studio per i medici di famiglia

“Oggi siamo riusciti, come promesso, ad aumentare di 800 unità il numero delle borse di studio per i medici di famiglia. Il finanziamento – ha spiegato Saitta – non è aggiuntivo. Abbiamo deciso di utilizzare parte del fondo degli obiettivi di piano per questa emergenza. Oltre alla carenza di medici di famiglia c’è una nota mancanza di medici specialisti che sta determinando in tutta Italia la chiusura di alcuni reparti. Sicuramente occorre – ha concluso Saitta – adeguare l’offerta formativa, come chiedono le Regioni da tempo, alle esigenze del Ssn. Nell’immediato bisogna dare però una risposta urgente ad un problema di emergenza sanitaria nazionale, bisogna cioè che gli specialisti dell’ultimo anno possano operare immediatamente nell’ambito del sistema sanitario”.

Totale quota indistinta al netto della fibrosi cistica, compresi riparti vaccini, stabilizzazioni