Vaccini: da Unicef petizione online indirizzata a Governo e Parlamento

Con la campagna “Proteggi un bambino, proteggili tutti” l’organizzazione chiede di semplificare l'accesso di tutti i bambini ai servizi di vaccinazione, eliminando le disparità regionali, garantendo procedure snelle per le prenotazioni e riducendo i tempi di attesa

vaccini

Semplificare l’accesso di tutti i bambini ai servizi di vaccinazione, eliminando le disparità regionali, garantendo procedure snelle per le prenotazioni e riducendo i tempi di attesa. È quanto chiede Unicef Italia in una petizione online indirizzata al Governo e al Parlamento, intitolata “Proteggi un bambino, proteggili tutti: i vaccini salvano la vita”.

Informare sui vaccini

L’organizzazione auspica una sostegno forte alle vaccinazioni in Italia e nel mondo e la promozione di campagne per una corretta informazione sui vaccini. In particolare, Unicef Italia chiede al Governo di attuare, “il prima possibile”, una campagna che spieghi in maniera chiara l’importanza delle vaccinazioni non solo come scelta di salute personale, ma anche come strumento essenziale per la protezione delle fasce più vulnerabili.

Le adesioni alla petizione online, spiega Unicef in una nota, verranno poi portate all’attenzione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai Presidenti della Camera e del Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati.

“In Italia – sottolinea Unicef – abbiamo raggiunto risultati straordinari grazie alle vaccinazioni, ma negli ultimi anni si è assistito a una progressiva riduzione delle coperture vaccinali anche in età pediatrica. La tendenza è stata invertita sotto la spinta dell’intervento pubblico, ma resta fondamentale mantenere alta l’attenzione su questo tema. Soprattutto, bisogna farlo per quei bambini le cui condizioni di salute non gli permettono di essere vaccinati. Su questo fronte, l’impegno continuo delle istituzioni è essenziale e gli ultimi dati dell’Organizzazione mondiale della sanità non sono confortanti. L’Italia è tra i 7 Paesi, dei 53 europei, che ha registrato 1.000 casi di contagi da morbillo tra adulti e bambini nei primi 6 mesi di quest’anno. È arrivato il momento – conclude Unicef – che ognuno faccia la sua parte, nessuno escluso”

Impegno globale

L’obiettivo di Unicef Italia è anche quello di proporre il finanziamento, attraverso la cooperazione internazionale, di programmi di vaccinazione pediatrica nei Paesi più poveri, investendo, in particolare, nelle aree colpite da emergenze o conflitti maggiormente esposti al rischio di epidemie. Solo nel 2017, Unicef ha fornito ben 2,44 miliardi di dosi di vaccini per l’infanzia in 102 Paesi.