Ricerca oncologica, la Campania investe 157 milioni di euro

Al via un progetto regionale che coinvolgerà strutture di ricerca, università e realtà attive nel trasferimento tecnologico. Il governatore De Luca: “Dobbiamo essere capaci di produrre brevetti, farmaci e tecnologie”

ricerca oncologica

Nuova linfa per la ricerca oncologica in Campania. La Regione mette in campo un investimento da 157 milioni di euro per sostenere l’impegno di strutture sanitarie e di ricerca, università e protagonisti del trasferimento tecnologico. Ad annunciarlo è stato oggi il governatore Vincenzo De Luca nel corso di una conferenza stampa convocata per presentare il progetto “La Campania lotta contro il cancro”.

Ricerca oncologica: fare rete

“Abbiamo deciso – ha dichiarato il governatore campano – di investire importanti risorse finanziarie nella ricerca oncologica per garantire a migliaia di pazienti cure efficaci e diversificate. È una grande sfida che contiamo di vincere grazie allo straordinario capitale umano di cui disponiamo e alla capacità dei centri di ricerca del nostro territorio di mettersi in rete. Abbiamo anche avviato un’importante collaborazione con la Regione Lombardia, all’avanguardia in ambito internazionale, per favorire scambio di modelli ed esperienze”.

Un “vaccino” contro i tumori

L’obiettivo principale, secondo De Luca, è quello di “sviluppare un vaccino” contro i tumori. “Per questo – ha spiegato –  abbiamo deciso di impegnare risorse importanti, quasi 160 milioni, neanche a livello nazionale si impegnano tante risorse in un progetto di ricerca su un unico obiettivo. Parliamo della ricerca farmacologica, del miglioramento di condizioni di vita e cura dei pazienti, tecnologie chirurgiche e mediche quanto meno invasive e devastanti per il corpo soprattutto delle donne. Dobbiamo essere capaci di produrre brevetti, farmaci e tecnologie”.

Le risorse

Le risorse del progetto seguono sostanzialmente tre direttrici: 42 milioni di euro per quattro progetti di potenziamento delle infrastrutture di ricerca oncologiche; 55 milioni vanno, invece, a 11 progetti per lo sviluppo di piattaforme tecnologiche oncologiche e di approcci terapeutici, diagnostici e farmaceutici innovativi; 20 milioni sono previsti per 28 progetti finanziabili di “Campania Terra del Buono” per il trasferimento tecnologico e la prima industrializzazione. Più 40 milioni di risorse per altre infrastrutture tecnologiche e piattaforme.

I progetti già finanziati e al via hanno come capofila diversi soggetti tra cui gli atenei della Campania, il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), l’Istituto dei tumori “Pascale”, il distretto Campania Bioscience e la Fondazione Telethon.