Fda approva l’uso di rifamicina per il trattamento della diarrea del viaggiatore

La Food and drug administration ha approvato l’utilizzo del farmaco per il trattamento dei disturbi causati da ceppi non invasivi di Escherichia coli in soggetti adulti

Rifaximina

La Food and drug administration ha approvato l’utilizzo di rifamicina per il trattamento della diarrea del viaggiatore. Nello specifico per quella causata da ceppi non invasivi di Escherichia coli in soggetti adulti.

Come e quando assumere rifamicina

Il farmaco, si legge nel comunicato diffuso dalla Fda, non è invece raccomandato per l’utilizzo in pazienti con diarrea complicata da febbre o presenza di sangue nelle feci. E nemmeno per quelli la cui causa del malessere venga attribuita ad agenti patogeni diversi dai ceppi non invasivi di Eschirichia coli.

Il medicinale deve essere usato solo per trattare o prevenire infezioni la cui causa risulti essere con certezza di tipo batterico. Questo per per ridurre lo sviluppo di batteri resistenti ai farmaci, e mantenere quindi l’efficacia di rifaximina e di altri farmaci antibatterici.

Il dosaggio approvato raccomandato di rifamicina è di 388 mg (due compresse a rilascio ritardato) per via orale due volte al giorno (al mattino e alla sera) per tre giorni. Il farmaco non deve essere assunto in concomitanza con l’alcol e può essere somministrato prima o dopo i pasti.