Bayer, fondi di private equity interessati all’animal health

Kkr, Blackstone e Permira sarebbero i soggetti più interessati per una business unit dal valore di otto miliardi di dollari. Prende sempre più forma lo scorporo che l'azienda di Leverkusen aveva annunciato nella seconda metà del 2018

animal health

Alcune fonti anonime hanno rivelato a Bloomberg che alcuni fondi di private equity sono interessati all’Animal health di Bayer. L’azienda di Leverkusen, infatti, è intenzionata a vendere la sua business unit di salute animale e già a ottobre 2018 erano emerse le prime indiscrezioni al riguardo. Tra l’altro si fa sempre più concreto il valore di questa possibile operazione: nove miliardi di dollari.

Chi sonda il terreno

Ci sono vari possibili interlocutori. Sempre da Bloomberg, come poi riprende anche FiercePharma, un fondo privato potrebbe essere Kkr. A corredo pare che anche Blackstone e Permira siano interessate alla possibilità di far loro la divisione animale dell’azienda tedesca. Un business succulento seppur lievemente in calo rispetto al 2017. I dati del 2018, infatti, mostrano ricavi totali per 1,5 miliardi di euro. Il mercato cresce in tutto il mondo ma ristagna in Europa, Medioriente e Africa. Da annotare, tra l’altro, che Bayer proprio il 20 di marzo ha lanciato un nuovo collare in Cina. Commenti ufficiali non ci sono ancora stati, tuttavia la compagnia ha già fatto intendere che darà ulteriori dettagli agli azionisti e investitori dopo la presentazione del primo report finanziario del primo trimestre.

Rivoluzione e ristrutturazione aziendale

Non sarà un’operazione indolore, anzi. La società punta molto sulla vendita dell’Animal health per rifarsi, almeno in parte, delle spese sostenute nel 2018 per Monsanto. Una ristrutturazione in piena regola tenendo presenti anche i numerosi tagli. Oltre 12 mila dipendenti rischiano il posto. A essere coinvolte le divisioni R&S (900 posti circa), crop-science (4100 posti) e staff generico (seimila). Sempre ai fini della ristrutturazione e del risanamento delle casse, Bayer vorrebbe vendere due importanti consumer brand. Secondo gli analisti di Bernstein questo potrebbe portare circa 800 milioni di euro.