Adroterapia, accordo tra Gemelli e Cnao per la nascita di un ambulatorio

Il Policlinico e il Centro nazionale di adroterapia oncologica di Pavia firmano un’intesa. Entro giugno a Roma aprirà un presidio per valutare i pazienti oncologici e selezionare quelli eleggibili al trattamento

adroterapia

Nascerà entro giugno a Roma un ambulatorio per l’adroterapia. È quanto prevede un accordo siglato tra il Policlinico Gemelli di Roma e il Centro nazionale di adroterapia oncologica (Cnao) di Pavia. Il presidio nascerà all’interno del Gemelli advanced Radiation Therapy, centro altamente specializzato di radioterapia oncologica, e consentirà di valutare i pazienti e selezionare quelli eleggibili al trattamento.

L’adroterapia è una terapia oncologica avanzata indicata per i tumori non operabili e resistenti alla radioterapia tradizionale ai raggi X. Nel nuovo ambulatorio – che si chiamerà “Cnao-Gemelli Art”(Advanced radiation therapy) – i pazienti potranno essere valutati e seguiti da un’equipe di medici esperti in radioterapia avanzata e adroterapia. I pazienti selezionati potranno sottoporsi al trattamento al Cnao di Pavia.

Il Policlinico Gemelli

“L’ambulatorio – commenta Marco Elefanti, direttore generale del Policlinico Gemelli – ci consentirà di offrire ai nostri pazienti oncologici tutta la gamma dei trattamenti oncologici più avanzati al fine di realizzare una personalizzazione della cure basata sulle necessità del singolo paziente. Questo accordo – spiega – sarà anche la base per progettazioni di innovative opportunità di ricerca sulle moderne biotecnologie, integrate con le conoscenze molecolari e omiche che contraddistinguono la moderna oncologia in un contesto di reti territoriali di eccellenza”.

Il Cnao di Pavia

Soddisfatto Gianluca Vago, presidente del Cnao: “L’accordo garantirà un approccio multidisciplinare tra esperti in ambito oncologico rendendo così virtuoso e puntuale il meccanismo di accesso dei pazienti elettivi al trattamento adroterapico. Il coinvolgimento del professor Vincenzo Valentini, direttore della Radioterapia Oncologica del Gemelli, che è stato presidente dell’Associazione europea di radioterapia, contribuirà in maniera significativa a una corretta selezione dei pazienti e ad una migliore conoscenza di questo tipo di trattamento, che ad oggi è stato utilizzato su più di 2200 pazienti affetti da tumori rari. La stretta collaborazione con il Policlinico – conclude Vago – favorirà inoltre l’attività di ricerca clinica per consolidare le evidenze scientifiche di efficacia dell’adroterapia nell’interesse delle persone in cura”.  Il Cnao è l’unico centro italiano e uno dei soli sei nel mondo (gli altri si trovano in Germania, Austria, Giappone e Cina) in grado di effettuare l’adroterapia sia con protoni che con ioni carbonio.