Outcome dell’ospedalità pubblica e privata: le differenze dal rapporto Aiop

La ricerca, basata sui dati del Programma nazionale esiti (Pne) realizzato da Agenas per conto del ministero della Salute, ha analizzato le performance cliniche che costituiscono l’offerta ospedaliera in Italia

crescita

C’è troppa differenza tra ospedalità pubblica e privata almeno stando al “Rapporto sulla qualità degli outcome clinici nell’ospedalità privata” realizzato dalla società Innogea, e presentato il 10 maggio nell’ambito della 55esima Assemblea generale dell’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop), in corso a Cernobbio. La ricerca, basata sui dati del Programma nazionale esiti (Pne) realizzato da Agenas per conto del ministero della Salute, ha analizzato le performance cliniche delle due componenti – pubblica e privata – che costituiscono l’offerta ospedaliera in Italia.

L’obiettivo

Obiettivo dello studio è stato quello di valutare, su basi oggettive e misurabili, l’impatto del settore dell’ospedalità privata in termini di qualità delle prestazioni erogate e volumi di attività svolta. Nello studio sono stati presi i n considerazione gli indicatori “Treemap”, ovvero quelli scelti da Agenas per la valutazione delle performance delle strutture ospedaliere. I dati rilevano che il Ssn garantisce ai cittadini prestazioni e servizi con un livello di qualità elevato, con punteggi che si avvicinano ai livelli ottimali. In alcuni casi con una leggera prevalenza delle strutture pubbliche, in altri delle strutture private accreditate.

I risultati

Dalla tabella del report appare evidente che l’ospedalità privata consegua dei risultati migliori (seppur di poco) rispetto a quella pubblica, almeno rispetto ad alcune voci. Nella tabella seguente sono riportati i valori di performance dei 19 indicatori di esito selezionati da Agenas per le due componenti del Ssn, quella pubblica e quella privata. In particolare, sono evidenziati i risultati medi percentuali dai quali si rilevano valori di performance nella maggior parte dei casi molto vicini agli standard di qualità ottimali.