Efsa, sette posizioni aperte per il Management board

La Commissione europea ha lanciato una call for application per sette delle 14 posizioni disponibili. I mandati dureranno dal primo giugno 2020 al 30 giugno 2022. La deadline per l'invio delle candidature sarà il 19 luglio 2019

Ci sono sette posizioni aperte per il Management board di Efsa, l’autorità regolatoria per la sicurezza alimentare. La Commissione europea ha lanciato una call for application per sette delle 14 posizioni disponibili. I mandati dureranno dal primo giugno 2020 al 30 giugno 2022. La deadline per l’invio delle candidature sarà il 19 luglio 2019.

La procedura

Una volta che saranno inviate le candidature entro la data prevista, la Commissione europea invierà una lista al Consiglio europeo che prenderà in esame i profili in consultazione con i rappresentanti del Parlamento europeo. La durata dell’ufficio sarà soggetta, tra l’altro, a un nuovo regolamento sulla trasparenza e sostenibilità dell’Ue che presto dovrebbe essere adottato dal Consiglio e del Parlamento entro il 2019. La propria volontà di partecipare alla selezione dovrà essere espressa solo e unicamente tramite form online. Preferibile l’inglese, ma saranno disponibili altre lingue dell’Unione.

Le qualifiche richieste

I membri del consiglio di amministrazione devono garantire i più alti livelli di competenza, possedere una vasta gamma di conoscenze specialistiche pertinenti e impegnarsi a operare in modo indipendente. Per accedere alla selezione, i candidati devono essere cittadini di uno Stato membro dell’Ue e dimostrare dei requisiti specifici. Innanzi tutto di aver maturato, in uno o più dei cinque ambiti di competenza, un minimo di 15 anni di esperienza di cui almeno 5 a livello dirigenziale. Gli ambiti sono: consulenza tecnico-scientifica sulle normative comunitarie sulla sicurezza alimentare, gestione Pa, politiche specifiche di indipendenza e trasparenza, comunicazione, valutazione dei rischi. Sarà richiesta inoltre anche un’esperienza di almeno cinque anni in settori attinenti alle funzioni dell’ente, soprattutto nella salute animale, tutela ambiente e alimentazione.

I criteri di valutazione

Ci sono vari criteri che verranno considerati. Saranno esaminate le conoscenze e le capacità di contribuire in modo efficace a uno o più degli ambiti di competenza sopraindicati. Le conoscenze nel campo della sicurezza degli alimenti e dei mangimi o altri campi attinenti alla missione dell’autorità e la capacità di operare in un ambiente plurilingue, multiculturale e multidisciplinare. L’elenco dei candidati sarà esaminato tenendo presenti anche le seguenti prescrizioni per la composizione del consiglio: un buon equilibrio complessivo fra le competenze dei membri del consiglio di amministrazione e la distribuzione geografica più ampia possibile basata sulla rotazione delle diverse nazionalità dei membri del consiglio di amministrazione.