La tecnologia nei servizi sanitari per medici e pazienti: vantaggi e limiti

Da una lato la facile accessibilità e l’ottimizzazione di tempi e costi, dall’altro la mancanza del contatto umano. Pro e contro da gestire disegnando programmi personalizzabili, basati sulle preferenze di utilizzo di ogni medico, paziente e cargiver. *IN COLLABORAZIONE CON DOMEDICA

la tecnologia nei servizi sanitari

La tecnologia ha assunto un ruolo fondamentale in tutti gli ambiti della vita, tanto da diventare parte integrante dei percorsi di cura e assistenza. Video-tutorial, app, videochiamate, email e sms sono usati per istruire i pazienti, ricordare visite e assunzione delle terapie e per monitorare la loro condizione. È però intuitivo che un approccio fatto solo di tecnologia è estremamente limitato, perché prescinde dalla conoscenza accurata di chi la sta utilizzando e soprattutto delle sue necessità e bisogni specifici del momento. Nei propri Patient Support Program, Domedica utilizza soluzioni tecnologiche molto varie, per permettere a chiunque acceda ai propri programmi di utilizzare lo strumento (sms, email, app, video-chiamata) che preferisce, ma sempre integrato al dialogo e al contatto diretto con i professionisti sanitari di Domedica.

Rapida, accessibile ed economica: i vantaggi della tecnologia nei servizi sanitari

Domedica predilige l’approccio in cui il contatto umano è centrale, soprattutto nelle prime fasi del programma durante le quali la conoscenza del paziente, del caregiver e del medico sono fondamentali per stabilire un “journey” personalizzato, che prevede un mix di contatti diretti (umani) e tecnologici, la cui frequenza è stabilita dal singolo utilizzatore che può scegliere l’approccio a lui più consono e usufruire dei vantaggi della tecnologia nelle modalità e tempi che preferisce.

I principali vantaggi offerti dalla tecnologia sono:

  • Accessibilità 24 ore su 24: è il caso dei video tutorial, che possono risolvere i dubbi del paziente in qualsiasi momento e indipendentemente dagli orari di accessibilità diretta ai professionisti di Domedica dedicati al programma;
  • Comodità e risparmio di tempo: una email, un sms o l’interazione tramite app può essere uno strumento rapido in caso di dubbi o domande istantanee o in caso di reminder periodico della terapia o della visita di controllo;
  • Economicità: le soluzioni tecnologiche permettono di offrire vicinanza e supporto costante al Paziente anche da remoto, rendendo molto più rapido ed efficace l’intervento dei sanitari che lo hanno in cura ed evitando al paziente spostamenti verso l’ospedale.

I limiti di un approccio esclusivamente tecnologico

L’interazione esclusivamente tecnologica porta però con sé dei limiti da non sottovalutare quali:

  • Superficialità: dubbi o domande specifiche non possono essere risolte unicamente con l’utilizzo della tecnologia, ma c’è bisogno di un dialogo conoscitivo e di approfondimento che solo un esperto può offrire;
  • Isolamento: con un approccio esclusivamente tecnologico il paziente potrebbe sentirsi isolato e trascurato;
  • Riduzione o scomparsa del dialogo: fondamentale e strutturale nella relazione e nel patto tra curante e paziente.

L’approccio che Domedica ha deciso di adottare nell’erogazione dei Patient Support Program è fatto sì di tecnologia, ma altrettanto di contatti umani diretti il cui mix viene scelto da chi usufruisce dei programmi in base alle proprie preferenze ed esigenze del momento.

A cura di Domedica

Home page I Patient support program nell’healthcare

In collaborazione con Domedica