Pubblicata la Lista Oms dei farmaci essenziali 2019

Sono stati aggiunti alla lista 28 farmaci per adulti e 23 per bambini (arrivando a un totale di 460 prodotti) mentre per altri 26 già presenti sono stati specificati nuovi usi. Stilata anche la nuova versione della Lista dei test diagnostici essenziali. Entrambe focalizzate sul cancro

Lista Oms di farmaci essenziali 2019

L’organizzazione mondiale della sanità ha reso nota la nuova lista dei farmaci essenziali 2019 e quella dei diagnostici. Un documento che dovrebbe aiutare i Paesi a dare la priorità ai prodotti che dovrebbero essere ampiamente disponibili e accessibili in tutti i sistemi sanitari. Le due liste si sono concentrate sul cancro e sulle altre sfide di salute globale, con un’enfasi su soluzioni efficaci e accesso ottimale per i pazienti. Per il 2019 sono stati aggiunti alla lista 28 farmaci per adulti e 23 per bambini (arrivando a un totale di 460 prodotti) mentre per altri 26 già presenti sono stati specificati nuovi usi.

Antitumorali

Sul fronte dei tumori sono state inserite cinque nuove terapie considerate le migliori in termini di sopravvivenza per melanoma, cancro del polmone, sangue e prostata. Per esempio, due immunoterapie recentemente sviluppate (nivolumab e pembrolizumab) hanno riportato tassi di sopravvivenza fino al 50% per il melanoma avanzato. Tumore fino a poco tempo fa incurabile. Sebbene negli ultimi anni siano stati commercializzati diversi nuovi trattamenti oncologici, solo pochi offrono sufficienti benefici terapeutici da considerare essenziali.

Antibiotici

Il Comitato per i farmaci essenziali ha inoltre rafforzato i consigli sull’uso degli antibiotici aggiornando le categorie Aware, che indicano quali antibiotici utilizzare per le infezioni più comuni e gravi per ottenere risultati terapeutici migliori e ridurre il rischio di resistenza antimicrobica. Il comitato ha raccomandato di aggiungere tre nuovi antibiotici per il trattamento delle infezioni resistenti a più farmaci.

Anticoagulanti e altri

Tra le altre aggiunte si trovano nuovi anticoagulanti orali per prevenire l’ictus come alternativa al warfarin, per la fibrillazione atriale e il trattamento della trombosi venosa profonda. Prodotti particolarmente vantaggiosi per i paesi a basso reddito perché, a differenza del warfarin, non richiedono un monitoraggio regolare. Medicinali biologici e biosimilari per condizioni infiammatorie croniche come l’artrite reumatoide e le malattie infiammatorie intestinali. Una nuova formulazione termostabile della carbetocina per la prevenzione delle emorragie post-parto. Questa nuova formulazione ha effetti simili all’ossitocina, l’attuale terapia standard, ma offre vantaggi per i paesi tropicali in quanto non richiede refrigerazione.

Nessuno escluso

“Nel mondo più di 150 Paesi usano la Lista dell’Oms per decidere quali farmaci rappresentano il miglior rapporto qualità-prezzo – ha commentato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms – sulla base di prove scientifiche e impatto sulla salute. L’inclusione in questa lista di alcuni dei farmaci antitumorali più recenti e più avanzati è una dichiarazione forte che tutti meritano l’accesso a queste medicine salvavita. Non solo coloro che possono permettersele”.

La lista dei diagnostici

L’aggiornamento della Lista dei test diagnostici essenziali (pubblicata nel 2018 per la prima volta) ha introdotto test anche per malattie infettive e non, oltre a quelli già presenti per Hiv, malaria, tubercolosi ed epatite. Sono stati aggiunti 12 test per rilevare tumori del fegato, coloretto, collo dell’utero, prostata, seno, leucemia e linfoma, e diverse malattie infettive presenti nei paesi a basso e medio reddito, come colera, dengue, zika, e leishmaniosi. Ancora, un nuovo test per l’influenza per le comunità dove non sono presenti laboratori, esami per il ferro per l’anemia, tiroide e anemia falciforme.

Un’altra aggiunta importante riguarda una nuova sezione di esami tesa a monitorare le donazioni di sangue, per rendere le trasfusioni più sicure. In totale sono 46 i test generali da usare per le cure di routine, e 69 per malattie specifiche.