Malattie rare: al via la settima edizione del premio Omar per la comunicazione

Torna l’appuntamento promosso dall’Osservatorio malattie rare. In palio complessivamente 20 mila euro. Iscrizioni aperte fino a gennaio 2020

malattie rare

Riparte la corsa al Premio dell’Osservatorio malattie rare (Omar) dedicato alla comunicazione sulle malattie e i tumori rari. Le iscrizioni alla VII edizione sono aperte e si chiuderanno il 10 gennaio 2020, mentre la proclamazione dei vincitori è in calendario per il 29 febbraio 2020, quando si celebra la Giornata mondiale delle malattie rare. Ad annunciarlo è una nota di Omar.

Comunicare le malattie rare

In palio un totale di oltre 20 mila euro destinati a chi, utilizzando diversi mezzi di comunicazione, ha saputo fare, nel corso del 2019, informazione corretta e sensibilizzazione efficace sul mondo complesso delle malattie e dei tumori rari. L’iniziativa di Omar è realizzata in partnership con il Centro nazionale malattie rare dell’Istituto superiore di sanità, la Fondazione Telethon, il portale Orphanet Italia e Federazione Uniamo Fimr onlus.

Le categorie

I premi in palio in questa VII edizione sono i seguenti:

  • Premio giornalistico categoria stampa e web;
  • Premio giornalistico categoria audio video;
  • Premio per la migliore campagna di comunicazione (professionisti);
  • Premio per la migliore campagna di comunicazione (non professionisti);
  • Premio per la migliore divulgazione attraverso foto, illustrazioni o fumetti;
  • Premio per la migliore divulgazione attraverso video.

Oltre a questi, la giuria si riserva il diritto di attribuire un premio aggiuntivo.

La novità

“Anche quest’anno abbiamo introdotto alcune novità – racconta Ilaria Ciancaleoni Bartoli, direttore di Osservatorio Malattie Rare – perché è importante adeguarsi sia ad un contesto in continua evoluzione qual è quello delle malattie rare, che ad una comunicazione che cambia, grazie a nuove tecnologie e nuove professionalità. In modo particolare, abbiamo creato due diverse classi di concorso per le campagne di comunicazione, separando quelle professionistiche – spesso realizzate da grandi strutture e con budget importanti – da quelle non professionistiche, spesso realizzate ‘in house’ e in economia da associazioni o altre piccole realtà. È importante valorizzare tutte le figure impegnate nel comunicare il difficile mondo della rarità, purché i requisiti di correttezza ed efficacia divulgativa del messaggio vengano comunque soddisfatti”.

Gli articoli, i servizi audio video e le altre iniziative di comunicazione ammesse a partecipare alle sei diverse categorie di concorso devono essere state diffuse nel periodo tra il 1 gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019.

Partnership e patrocini

L’iniziativa gode della collaborazione di alcune associazioni professionali e di categoria e del Festival cinematografico ‘Uno sguardo raro’. Il premio è patrocinato Web Health Information Network (Whin); CNR; Ordine nazionale dei giornalisti e vari ordini regionali; Federazione relazioni pubbliche taliana (Ferpi); Federazione italiana editori giornali (Fieg); Unione stampa periodica italiana (Uspi); Federazione nazionale stampa italiana (Fnsi); Associazione italiana comunicazione pubblica e Associazione nazionale stampa online.