Allergan ritira dal mercato Usa sei modelli di protesi mammarie

Dopo Francia, Canada e Australia tocca agli Stati Uniti. A essere coinvolte dal ritiro da parte dei fornitori sono le protesi mammarie testurizzate Biocell e gli espansori tissutali non ancora usati

Allergan ritira dal mercato Usa sei modelli di protesi mammarie ruvide ed espansori, seguendo le direttive fornite dalla Food and drug administration. Queste protesi, infatti, sarebbero collegate a un alto rischio di linfoma anaplastico a grandi cellule.

La decisione

A essere coinvolte dal ritiro da parte dei fornitori sono le protesi mammarie testurizzate Biocell e gli espansori tissutali non ancora usati. L’agenzia Usa ha tuttavia diramato anche una comunicazione di sicurezza per tutte le pazienti con protesi al seno, in cui invita loro e i medici a monitorare i possibili sintomi di questo tumore. Gli Usa sono solo l’ultimo Paese nel mondo in cui prodotti del genere sono stati ritirati dal commercio. Casi simili si sono verificati in Francia, Canada e Australia. In Italia il ministero della Salute, a seguito del parere del Css, il Consiglio superiore di sanità ha deciso di non procedere al ritiro né alla rimozione delle protesi al seno testurizzate in mancanza di sospetti clinici.

I casi di tumore

La Fda ha diramato alcuni dati secondo i quali su 573 casi di linfoma anaplastico associato al seno, 481 sono riconducibili a prodotti di Allergan. Sui decessi che in totale sono stati 33, 12 riguardano i dispositivi dell’azienda irlandese.