Fda, benralizumab designato farmaco orfano per il trattamento dell’esofagite eosinofila

Il medicinale di AstraZeneca combatte la malattia infiammatoria rara, cronica, che si verifica quando gli eosinofili, un tipo di globuli bianchi, si accumulano nell'esofago causando lesioni e infiammazioni

Fda

La Food and drug administration (Fda) ha concesso la designazione di farmaco orfano (Odd) per benralizumab per il trattamento dell’ esofagite eosinofila (EoE). Il farmaco di AstraZeneca combatte questa malattia infiammatoria rara, cronica, che si verifica quando gli eosinofili, un tipo di globuli bianchi, si accumulano nell’esofago causando lesioni e infiammazioni.

Le prospettive di AstraZeneca

“L’esofagite eosinofila è una malattia infiammatoria allergica che può colpire bambini e adulti”, ha commentato  Mene Pangalos, vice presidente esecutivo, ricerca e sviluppo di biofarmaci, di Astrazeneca. “In genere i pazienti presentano una serie di sintomi debilitanti tra cui dolore severo e difficoltà a deglutire il cibo. Attualmente non ci sono trattamenti approvati dalla Fda per l’esofagite eosinofila. Poiché benralizumab impoverisce gli eosinofili nel sangue e nei tessuti, potrebbe diventare un potenziale nuovo medicinale per curare i pazienti con questa malattia rara”.

Applicazioni di Benralizumab

Benralizumab è un medicinale biologico respiratorio di AstraZeneca. Si tratta di una terapia di mantenimento aggiuntiva per l’asma grave eosinofilo negli Stati Uniti, nell’Ue, in Giappone e in altri paesi. Nel novembre 2018, la Fda ha concesso l’Odd a questo medicinale per il trattamento della granulomatosi eosinofila con poliangioite (Egpa). E ha anche concesso la stessa denominazione per il trattamento della sindrome ipereosinofila (HES) a febbraio 2019.

Fda e farmaci orfani

La Fda concede lo stato di Odd a medicinali e potenziali nuovi medicinali per il  trattamento, alla diagnosi o alla prevenzione di malattie o disturbi rari che colpiscono meno di 200mila persone negli Stati Uniti.