Patient engagement, l’importanza della formazione degli operatori sanitari

Formare il personale verso il coinvolgimento dei pazienti può fare la differenza per migliorare l’aderenza alle terapie nonché l’esito e la performance del sistema. È quanto emerso dal convegno “La Valued-based Healthcare nel contesto della cronicità”

formazione

Dal convegno “La Valued-based Healthcare nel contesto della cronicità”, organizzato l’8 ottobre a Roma da AboutPharma in collaborazione con Ucb, è emersa l’esigenza di puntare sulla formazione degli operatori sanitari in materia di coinvolgimento dei pazienti al fine di raggiungere quella partnership di cura che è alla base di una migliore aderenza alle terapie, di un migliore outcome terapeutico e, in ultima analisi, di una migliore performance dell’intero sistema.

Si parla spesso, anche in questa rubrica, della figura del paziente esperto e del fatto che i pazienti sono sempre più competenti in fatto di ricerca biomedica e clinica e di assistenza sanitaria. Se fino a qualche tempo fa competenze ed esperienza erano acquisizioni che il paziente o il caregiver faceva “sul campo”, oggi i pazienti possono accedere a un’offerta formativa ampia e variegata che si prefigge di equipaggiarli delle conoscenze e degli strumenti tecnici necessari per essere totalmente integrati e partecipi nei diversi processi del sistema salute.

Formazione indirizzata ai pazienti

Attualmente, infatti, a presidiare la formazione dei pazienti ci sono soggetti diversi. Tra i più autorevoli e consolidati in Europa, c’è Eupati che ha un focus prevalente sulla formazione in ambito di ricerca clinica. Mentre in Italia è nata l’Accademia dei pazienti (sempre come derivazione di Eupati). Insieme a queste realtà anche le Università si stanno attrezzando per fornire percorsi di formazione indirizzati ai pazienti: l’esempio più significativo è quello dell’Università Cattolica del Sacro Cuore che offre un Master Universitario di II Livello in Patient Advocacy Management.

In buona sostanza, i pazienti sono oggi nelle condizioni di poter compiere quel cammino verso un’alleanza con gli altri stakeholder che punti a migliorare risultati terapeutici ed efficienza del sistema. Un cammino in cui sarebbe auspicabile e necessario incontrarsi a metà strada con gli addetti ai lavori.

Formazione degli operatori sanitari

Tuttavia, accade spesso che gli operatori sanitari non siano ancora “pronti” nei fatti a questa alleanza con i pazienti, né abbiano del tutto percepito la portata dirompente (e le opportunità) del patient engagement. E invece, come è emerso nell’ambito del convegno “Valued-based Healthcare nel contesto della cronicità”, la formazione del personale sanitario verso il coinvolgimento dei pazienti può fare una grande differenza nel migliorare l’aderenza alle terapie e in ultima analisi l’esito e la performance del sistema.

Ciononostante, in tema di formazione dei professionisti sanitari sul Patient Engagement, e se vogliamo anche di altri operatori del settore salute, ad esempio gli operatori del mondo industriale farmaceutico, non esistono ad oggi, per lo meno in Italia, offerte formative strutturate a fronte di un’esigenza che si fa sentire in maniera crescente.

L’offerta formativa

Se per esempio consideriamo i 117 master in management sanitario mappati dal sito guidamaster.it, che può fornire una discreta, seppur non esaustiva, indicazione del panorama dell’offerta formativa post-lauream, non pare emergere dalle schede di presentazione delle materie curricolari alcun riferimento rilevante al Patient Engagement.

Per trovare iniziative di formazione sul tema dedicate agli operatori del mondo salute è necessario guardare alla realtà di altri Paesi dove diversi soggetti, sia profit che non profit, si stanno muovendo per colmare il gap.

Percorsi di formazione sul Patient Engagement dedicati ai professionisti della salute sono organizzati, per esempio, da realtà come C.E.L.forPharma, EngageRx, Patient Focused Medicine Development e, anche in questo caso, EUPATI.

La partecipazione dei pazienti

È interessante notare che i percorsi formativi di Eupati e Patient Focused Medicine Initiative sono realizzati con la partecipazione dei pazienti, dettaglio importante se si vuole costruire un sistema salute centrato sul paziente ed effettivamente partecipativo. Presupposti indispensabili, come discusso ieri a Roma, perché si realizzi un sistema salute basato sul valore.

Clicca e partecipa alla survey

*Foto in evidenza di Louis

Home page About Patient Engagement