Il Cvmp decide per numerose variazioni di indicazione di medicinali veterinari

Durante il meeting del 3-5 dicembre il Comitato per l'uso dei farmaci veterinari dà il via libera a numerose variazioni di indicazione. Nessun parere su nuove formulazioni

Numerose le variazioni di indicazione di medicinali veterinari a questa tornata di meeting del Cvmp. Durante le riunioni mensili (3-5 dicembre), il Comitato per i medicinali a uso veterinario ha dato l’ok a 12 modifiche.

I cambi di indicazione

Le variazioni sono tutte di tipo II, ossia riguardano la sicurezza, l’efficacia e la qualità del prodotto senza compromettere ciò che riguarda il principio attivo in sé. Tra i farmaci troviamo robenacoxib che vede aggiungere il trattamento per dolore infiammatorio associato a interventi chirurgici nei cani. Il comitato ha poi dato consenso favorevole alle variazioni per un vaccino inattivato della malattia emorragica del coniglio per quanto riguarda la somministrazione. Si passa da 8 a 12 mesi. Per la qualità vanno poi considerati anche oclacitinib maleato, vaccino inattivo per il circovirus dei suini e gamitromicina. Per quanto riguarda il vaccino destinato alla protezione dei polli contro i segni respiratori della malattia causata solo dal ceppo variante Ibv 4-91 viene aggiunto l’avvertimento di non usare il prodotto in associazione con l’altro vaccino Innovax-Nd-Ibd. Sempre in ambito vaccino il Cvmp si è pronunciato anche su un siero per bovini contro il virus di Schmallenberg e Innovax Ilt. Infine approvate le variazioni per due prodotti a base di sarolaner, e due a base di fluralaner.

Opinione negativa

Rimandata indietro, invece, la richiesta per Cabergolinam prodotto per le bovine da latte nei programmi di gestione della mandria come facilitatore per la messa in asciutta drastica, mediante la riduzione della produzione di latte. Come riferisce l’agenzia sul suo sito a settembre 2019 c’era stato un riesame, ma anche in questo caso la risposta è risultata essere nuovamente negativa. Ad agosto 2016 l’autorizzazione al commercio era stata sospesa dalla Commissione europea per motivi di sicurezza. Tale decisione è rimasta invariata.

Antibiotici

Il comitato ha aggiornato alcuni pareri scientifici sulle categorie di antibiotici sulla base dei suggerimenti Gruppo di esperti per gli antimicrobici (Ameg) a seguito di una consultazione pubblica. I primi pareri di questo tipo risalgono al 2014, ma si è vista la necessità di aggiornare alcuni parametri, specialmente quelli relativi alle categorie dei vari prodotti. I commenti ricevuti dagli stakeholder durante la fase di consultazione pubblica, saranno inseriti nella pubblicazione finale del comitato.