Finanziamento della Bei per Molmed: linea di credito da 15 milioni

L'offerta è soggetta al raggiungimento di una serie di criteri di prestazione condivisi, che sosterranno il piano di sviluppo finalizzato alla crescita sostenibile della società biotecnologica. Il finanziamento ha la garanzia del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (Efsi), pilastro centrale del piano Juncker

Banca europea per gli investimenti

La Banca europea per gli investimenti (Bei) e la società biotech MolMed hanno firmato un accordo di finanziamento che consentirà a MolMed di disporre per i prossimi anni di una linea di credito fino a 15 milioni di euro. L’offerta è soggetta al raggiungimento di una serie di criteri di prestazione condivisi, che sosterranno il piano di sviluppo finalizzato alla crescita sostenibile della società biotecnologica. Il finanziamento ha la garanzia del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (Efsi), pilastro centrale del piano Juncker.

Investimenti europei

Il Vicepresidente di Bei Dario Scannapieco ha commentato: “Sono realmente felice di questa operazione, che rappresenta un progetto esemplare dell’attività di Bei all’interno del Piano di investimenti per l’Europa: l’impact financing, indirizzato alla ricerca e sviluppo in un settore cruciale per la salute e la vita delle persone”. Paolo Gentiloni, Commissario europeo per l’Economia, ha commentato: “Assicurare finanziamenti per ricerca, sviluppo e studi clinici è fondamentale per le aziende biotecnologiche come MolMed. Il Piano di investimenti per l’Europa ha già una solida esperienza nel sostenere la ricerca sul cancro, ma questo è uno dei primi progetti realizzati in Italia. La Commissione continuerà a sostenere la ricerca medica innovativa che potrebbe rivelarsi vitale per tanti cittadini europei”.

Il piano Juncker

Il piano di investimenti per l’Europa, il cosiddetto piano Juncker, è un sistema di politiche economiche per eliminare gli ostacoli agli investimenti, dare visibilità e assistenza tecnica ai progetti di investimento e fare un uso più intelligente delle risorse finanziarie. Partito nel 2015 al 2018 gli investimenti sono stati di oltre 300 milioni di euro. I pilastri su cui si basa sono tre. Il primo è il Fondo europeo per gli investimenti strategici (Feis) che mira a mobilitare gli investimenti privati mediante la garanzia dell’Ue. La Commissione collabora con il suo partner strategico, il gruppo della Banca europea per gli investimenti (Bei). Il secondo è il Polo europeo di consulenza sugli investimenti e il Portale dei progetti di investimento europei. Entrambi forniscono assistenza tecnica e danno maggiore visibilità alle opportunità di investimento contribuendo a tradurre in realtà i progetti proposti. Infine c’è il conteso imprenditoriale e gli ostacoli relativi agli investimenti stessi.