Farmaci veterinari: nel 2019 Ema ne ha approvati 15

Il bilancio dell’Agenzia europea dei medicinali sull’anno appena trascorso. Il numero di autorizzazioni è cresciuto del 50% rispetto al 2018. Un prodotto su tre contiene un nuovo principio attivo

farmaci veterinari

Cresce il numero di farmaci veterinari approvati nel Vecchio Continente. Nel 2019 l’Agenzia europea dei medicinali (Ema) ne ha approvati 15, il 50% in più rispetto all’anno precedente. È quanto emerge dal report “Veterinary medicines highlights 2019” pubblicato sul sito dell’ente regolatorio, all’indomani della diffusione di un bollettino analogo per il settore umano (66 farmaci approvati lo scorso anno).

I numeri

Su 15 medicinali veterinari autorizzati, cinque contengono nuovi principi attivi mai autorizzati prima. Quanto alla specie interessate, sei nuovi farmaci riguardano i cani, quattro i gatti, tre i suini e uno a testa per bovini, cavalli, polli e conigli. Inoltre, nel 2019, sono state estese le indicazioni terapeutiche di dieci principi attivi.  Quattro dei nuovi farmaci approvati sono vaccini per polli, bovini, conigli e suini.

Sicurezza

Come per la medicina umana, il bollettino dell’Ema riassume le iniziative intraprese sul fronte della farmacovigilanza: nel 2019 sono stati emessi avvisi sulla sicurezza per 14 farmaci veterinari.