Ema è ufficialmente operativa nella sede definitiva ad Amsterdam

Si chiude definitivamente la questione trasferimento. A pochi giorni da Brexit l'Agenzia di Guido Rasi prende possesso del Vivaldi building

ema

La bandiera è stata issata ed Ema è ufficialmente operativa nella sede definitiva nei Paesi Bassi. La nuova casa dell’Agenzia europea dei medicinali è pronta e come previsto, il trasloco, iniziato a inizi del 2020, è stato portato a termine.

Chiusa la questione del trasferimento

“Un anno fa abbiamo ammainato la bandiera negli uffici di Londra con un peso nel cuore. Con la cerimonia nella nuova casa ad Amsterdam – commenta il Direttore generale Guido Rasi – possiamo chiudere la faccenda del trasferimento e guardiamo ora al futuro”. A novembre del 2019 il numero uno dell’agenzia aveva firmato il contratto di locazione e ancor prima della cerimonia di inaugurazione dello stabile Vivaldi, l’agenzia aveva avviato i lavori, soprattutto del Chmp per i pareri sui medicinali a uso umano.

E ora?

Di carne al fuoco ce n’è. Il 2020 si apre con delle novità certamente, ma le sfide per l’Agenzia non si sono risolte con il cambio (seppur faticoso) di sede. Uno dei compiti che l’ente si è sobbarcato è stato quello di aver indicato una serie di criteri per migliorare l’utilizzo dei big data nell’Ue insieme a una serie di attività legate alla veterinaria che verrà da qui al 2025. Tra l’altro questo sarà anche l’ultimo anno di Rasi come Direttore generale.