Se Msd pensa allo scorporo della salute della donna e dei biosimilari

L'idea è quella di impegnarsi maggiormente su pembrolizumab in oncologia. L'operazione dovrebbe concludersi entro la prima metà del 2021

Axa research fund

Merck & Co (conosciuta come Msd al di fuori di Usa e Canada). sta pensando a nuovi spinoff per i prodotti della salute della donna e per i biosimilari. Creare, in sostanza, una o più compagnie ad hoc per consentire a casamadre di concentrarsi meglio su vaccini e il blockbuster pembrolizumab.

La nuova realtà imprenditoriale

Stando a quanto rivela Reuters, la nuova compagnia dovrebbe ritagliarsi un buon 15% del mercato totale delle vendite di Merck con una metà circa di prodotti in commercio. Merck manterrà la salute animale e i farmaci ospedalieri. L’operazione dovrebbe concludersi entro la prima metà del 2021 e potrebbe fungere da cost-saving per oltre un miliardo e mezzo di dollari entro il 2024. Inoltre la nuova società potrebbe garantire un dividendo detassato di 8-9 miliardi di dollari.

L’oncologia

La compagnia vuole puntare tutto o quasi sull’oncologia e lo ha confermato anche il Chief executive Ken Frazier: “La chiave di volta è lasciare che Merck si concentri maggiormente sulle opportunità migliori di crescita”. Basta dare uno sguardo ai dati per capire che pembrolizumab è un cavallo su cui continuare a puntare con oltre tre miliardi di dollari di vendite annue (è uno dei medicinali più venduti e con ottime prospettive di mercato) segnando un +46% nell’ultimo trimestre.