Prepararsi agli esami diagnostici (anche invasivi) per garantirne l’efficacia

L’inserimento all’interno di un programma di supporto garantisce ai pazienti di arrivare perfettamente preparati. Ciò è possibile grazie all’approccio Tech n’ Care, che unisce la componente umana a quella tecnologica. *IN COLLABORAZIONE CON DOMEDICA

Prepararsi agli esami diagnostici

I Patient Support Program nascono per sostenere e accompagnare il paziente durante il suo percorso di cura caratterizzato anche dall’esecuzione di esami diagnostici che richiedono una lunga preparazione e sacrifici da parte del paziente che possono indurlo a non attenersi alle prescrizioni del medico. Per esempio, per prepararsi a una colonscopia, al paziente è richiesto di seguire una dieta specifica e di assumere preparazioni ad hoc, spesso disciolte in importanti volumi d’acqua da assumere in tempi ristretti e con un sapore non piacevole. La maggior parte delle volte queste indicazioni sono fornite al paziente in forma scritta mesi prima dell’esecuzione dell’esame e da personale non sanitario che si limita a invitare il paziente a seguire quanto indicato in prescrizione.

I rischi

In queste modalità e tempistiche sono insiti alcuni rischi. Infatti il paziente potrebbe:

  • interpretare in maniera errata le informazioni prescritte;
  • dimenticare di dover seguire un inter di preparazione di diversi giorni e quindi iniziare a prepararsi per l’esame troppo tardi;
  • seguire la dieta prescritta in maniera inesatta o discontinua;
  • assumere la preparazione prescritta parzialmente o in maniera non coerente alla prescrizione ricevuta.

L’impatto

L’impatto di un’errata preparazione sulla salute del paziente e sul Servizio sanitario nazionale è rilevante:

  • Il paziente rischia di ricevere un’eventuale diagnosi con settimane o mesi di ritardo per la necessità di dover ripetere l’esame a causa dell’inadeguata preparazione;
  • Il Servizio sanitario nazionale ha un aggravio di costi perché il tempo degli operatori (medici e infermieri), strutture e strumentario per eseguire l’esame è di fatto vanificato dalla non ottimale preparazione del paziente.

Se si pensa che in Italia ogni anno di eseguono 1,5 milioni di colonscopie è intuitivo che gli impatti in termini generali sono davvero enormi.

Educazione e supporto

L’inserimento del paziente all’interno di un programma di supporto permette di intervenire su questi punti critici attraverso due modalità:

  • Educazione: responsabilizzando i pazienti e i caregiver  sull’importanza di aderire alla dieta e assumere le preparazioni prescritte per evitare che l’esame necessiti di essere ripetuto;
  • Supporto: ricordando al paziente e ai caregiver la data dell’esame e le date e gli orari calendarizzati per l’inizio della dieta e l’assunzione della preparazione.

Prepararsi agli esami diagnostici: un percorso studiato ad hoc per accompagnare i pazienti

La Piattaforma Tech n’ Care di Domedica (basata su Health-Cloud di Salesforce) consente la creazione di un account personalizzato per singolo paziente che potrà ricevere educazione, informazioni e reminder che supportino il rispetto del suo Patient Journey sia attraverso

  • il diretto accesso alla Piattaforma e alle App associate;
  • il supporto telefonico che sarà fornito dai professionisti che lavorano al Patient Care Centre di Domedica soprattutto ai Pazienti anziani che potrebbero aver difficoltà a utilizzare gli strumenti digitali.

A cura di Domedica

Home page I Patient support program nell’healthcare

In collaborazione con Domedica