Effetti collaterali dei farmaci veterinari: Ema rende accessibili i dati

Per la prima volta disponibili al pubblico le segnalazioni di casi sospetti raccolte da Eudravigilance Veterinary (EVVet), la banca dati per la farmacovigilanza nell’Unione europea

effetti collaterali dei farmaci veterinari

Accessibili per la prima volta online le segnalazioni di sospetti effetti collaterali dei farmaci veterinari. L’Agenzia europea dei medicinali (Ema) mette a disposizione del pubblico, attraverso il portale www.adrreports.eu, le informazioni raccolta da Eudravigilance Veterinary (EVVet), banca dati per l’elaborazione delle segnalazioni di farmacovigilanza, uno dei diversi strumenti a disposizione degli enti preposti a monitorare il rapporto rischio- beneficio di un medicinale ad uso veterinario una volta autorizzato.

I dati sugli effetti collaterali dei farmaci veterinari

Il portale ospita i dati sulle segnalazioni dal 2012. Gli effetti collaterali sospetti sono di solito osservati da veterinari o proprietari di animali domestici. Le segnalazioni sono inviate a EVVet dalle autorità nazionali competenti o dai titolari di autorizzazioni all’immissione in commercio.

250 farmaci monitorati

Le informazioni pubblicate su www.adrreports.eu si riferiscono a circa 250 medicinali veterinari autorizzati a livello centrale. Si riferiscono a sospetti effetti collaterali, nel senso che riguardano eventi clinici osservati in seguito all’uso di un medicinale, ma non necessariamente correlati o causati dal farmaco.

Trasparenza

“La messa a disposizione del pubblico di tali informazioni – sottolinea l’agenzia in una nota – consente alle parti interessate dell’Ema, compreso il grande pubblico, di accedere a dati importanti utilizzati dalle autorità di regolamentazione europee per riesaminare la sicurezza di un medicinale veterinario o di una sostanza attiva”. L’iniziativa, spiega ancora Ema, fa parte dei “continui sforzi dell’Agenzia per garantire che i processi normativi dell’Ue siano trasparenti e aperti”.

Come funziona

Sul portale è possibile effettuare ricerche nei report sugli eventi avversi in base al nome del prodotto (per i medicinali veterinari autorizzati a livello centrale) o alla sostanza attiva. I dati visualizzati raccolgono il numero totale di singoli casi gravi segnalati. I dati possono essere filtrati in base a diverse categorie come specie, razza, origine geografica etc.  Il sito web è attualmente disponibile in inglese e sarà presto disponibile in tutte le lingue ufficiali dell’Ue.